Per saperne di più

FTX avvisa con fermezza gli offerenti non autorizzati che sollecitano gli acquirenti

2 mins
Aggiornato da Mary Basile

In breve

  • FTX avvisa di non vendere asset non autorizzati, sottolineando il ruolo esclusivo di Galaxy Asset Management nella gestione degli asset digitali di FTX.
  • Terze parti non autorizzate stanno sollecitando offerte, contrariamente ai canali autorizzati da FTX per la vendita degli asset, secondo il post.
  • Anche se i debitori di FTX vendono gli asset digitali bloccati, il calendario stabilito dal tribunale fallimentare statunitense rimane invariato.
  • promo


I debitori della proprietà di FTX, ormai defunto, hanno lanciato un avviso sui social media. Sottolineano che Galaxy Asset Management si occupa esclusivamente della vendita degli asset digitali legati al fallimento di FTX.

Tuttavia, i debitori hanno evidenziato un termine complesso nel contratto che regola il calendario di sblocco di queste partecipazioni.

FTX lancia un avviso contro la sollecitazione di offerte di asset da parte di terzi

FTX ha pubblicato un avviso su X (ex Twitter), avvisando che diverse società non autorizzate stanno cercando di vendere asset sotto il controllo di FTX.

“Diverse terze parti non autorizzate stanno cercando di sollecitare offerte da parte di acquirenti per conto dei Debitori di FTX”.

Inoltre, sottolinea che se i debitori di FTX vendono la criptovaluta, devono comunque rispettare i termini delineati nel programma approvato dal Tribunale fallimentare degli Stati Uniti.

“Se i debitori di FTX vendono gli asset digitali bloccati, i termini e le condizioni che regolano il programma di sblocco di queste partecipazioni non cambieranno”.

Per saperne di più: Le truffe più comuni di criptovalute

Nel settembre 2023, FTX ha ottenuto il via libera per svendere i suoi 3,4 miliardi di dollari secondo un piano rigoroso. Questo per garantire che lo svendere in massa degli asset non avrebbe avuto un impatto sostanziale sul mercato.

Tuttavia, FTX ha dichiarato di voler svendere 100 milioni di dollari a settimana, con un tetto che occasionalmente può arrivare a 200 milioni di dollari. I creditori saranno rimborsati in base al valore delle loro criptovalute al momento del fallimento, l’11 novembre 2022. A quel tempo, il Bitcoin scambiava a soli 16.778 dollari, rispetto al suo attuale massimo a lungo termine di 64.000 dollari.

Difference in Bitcoin price Nov 2022 - March 2024. Source: TradingView
Differenza del prezzo del Bitcoin dal novembre 2022 al marzo 2024. Fonte: TradingView

FTX prevede di sottoporre il voto ai creditori quest’anno

Nel dicembre 2023, BeInCrypto ha riportato che il prossimo passo consiste nel presentare il piano ai creditori per un voto finale quest’anno.

Sebbene debbano essere definiti ulteriori dettagli, ciò avverrà prima dell’approvazione finale richiesta dal giudice fallimentare statunitense John Dorsey.

Per saperne di più: Chi è Sam Bankman-Fried (SBF), il famigerato co-fondatore di FTX?

Il 28 gennaio, FTX aveva svuotato asset per un valore di circa 707 milioni di dollari nel corso di pochi mesi.

Più di recente, la borsa ha ricevuto l’approvazione a vendere il suo interesse del 7,84% nella società di intelligenza artificiale (AI) Anthropic.

La vendita aggiungerà 1 miliardo di dollari ai 6,4 miliardi di dollari che FTX ha guadagnato con le altre vendite. Ciò aumenterà la possibilità che la proprietà ripaghi completamente i creditori.

Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024
YouHodler YouHodler Esplorare
Wirex App Wirex App Esplorare
SunContract SunContract Esplorare
Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024
YouHodler YouHodler Esplorare
Wirex App Wirex App Esplorare
SunContract SunContract Esplorare
Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

ciaran-lyons-avatar.png
Ciaran è un giornalista specializzato in criptovalute con sede a Sydney, in Australia. Gli piace particolarmente scrivere sugli sviluppi del CBDC e sulle implementazioni pratiche delle criptovalute in scenari reali. È anche apparso sulle principali reti televisive australiane includendo Channel Ten, Channel Nine e SBS TV. Prima di entrare nel mondo delle criptovalute, Ciaran ha lavorato come presentatore presso l'emittente radiofonica nazionale Triple J.
Leggi la biografia completa