Per saperne di più

Dave Portnoy interviene: “Non dubitavo dei Bitcoin, FTX mi deve un milione di dollari”.

2 mins
Aggiornato da Mary Basile

In breve

  • Dave Portnoy si è espresso contro i "memers" di Bitcoin che lo prendono in giro perché non detiene e non scambia più BTC.
  • Portnoy ha dichiarato di non aver mai dubitato di Bitcoin, ma il crollo di FTX gli è costato 1 milione di dollari in fondi.
  • Il processo a Sam Bankman-Fried si avvicina alla sentenza, SBF rischia da cinque a 110 anni di carcere.
  • promo


Dave Portnoy, il fondatore di Barstool Sports noto per i suoi commenti senza filtri, ha recentemente espresso le sue frustrazioni nei confronti della comunità Bitcoin.

In particolare, ha incolpato del suo sconforto l’incagliata piattaforma di scambio FTX e il suo fondatore, Sam Bankman-Fried (SBF).

Il rapporto di amore-odio di Dave Portnoy con il Bitcoin

Portnoy, che ha attraversato gli alti e bassi degli investimenti in criptovalute con entusiasmo e scetticismo, ha dichiarato,

“Non avevo dubbi sul Bitcoin”.

L’ingresso di Portnoy nella criptovaluta è stato caratterizzato da una notevole volatilità. Il suo percorso di investimento iniziale è iniziato nel 2017, incoraggiato da una sessione di tutorial con i gemelli Winklevoss.

Nonostante un ritiro iniziale innescato dall’instabilità del mercato, è rientrato con un investimento significativo in Bitcoin nel 2022, con l’obiettivo di capitalizzare un calo del suo valore. Tuttavia, il successivo crollo di FTX, unito alla conversione prematura dei suoi investimenti in Bitcoin in contanti, ha messo in luce i rischi del mercato delle criptovalute, aggravando i problemi finanziari di Portnoy.

Per saperne di più: Come guadagnare con le criptovalute in 2024?

In un’espressione schietta del suo calvario, Portnoy ha denunciato SBF, riferendosi a lui con un linguaggio colorito ed etichettandolo come diretto responsabile delle sue disgrazie finanziarie. Portnoy ha sfogato la sua frustrazione per il tradimento e la subdola percezione delle operazioni della FTX sotto la dirigenza di Bankman-Fried.

“Quel grasso [imprecazione] con i capelli ricci, SBF (Sam Bankman-Fried), quel bastardo, [imprecazione] me. Quindi FTX mi deve un milione di dollari”, ha dichiarato Portnoy.

Imminente la condanna di Sam Bankman-Fried

Lo sfondo di questa controversia è la notevole ripresa del Bitcoin, che ha raggiunto un massimo a lungo termine di 63.800 dollari, contrapposta alle perdite personali di Portnoy e alla più ampia narrazione del crollo di FTX. Questo netto contrasto sottolinea i rischi e le ricompense insiti nel mercato delle criptovalute, evidenziando la rapidità con cui le fortune possono cambiare.

Il ginepraio legale che circonda SBF e FTX approfondisce la saga. Con Bankman-Fried che rischia una potenziale condanna di un secolo, il discorso sulla giustizia e sulla responsabilità nel settore delle criptovalute si intensifica.

Per saperne di più: Le truffe più comuni di criptovalute

Court sketch of Sam-Bankman Fried (SBF) facing questioning from prosecutors. Source: Reuters
Schizzo del tribunale di Sam-Bankman Fried (SBF) che affronta l’interrogatorio dei pubblici ministeri. Fonte: Reuters

Questa situazione di stallo legale ha catturato l’attenzione di investitori e autorità di regolamentazione. Pone anche domande critiche sulla futura regolamentazione e supervisione degli asset digitali.

Le critiche schiette di Portnoy alla SBF e il suo stesso tumultuoso viaggio in cripto servono a ricordare la natura speculativa degli investimenti in cripto.

La sua storia è una testimonianza delle dinamiche imprevedibili del mercato delle criptovalute, dove le fortune degli investitori possono oscillare selvaggiamente sul pendolo delle promesse tecnologiche e dell’incertezza normativa.

Top piattaforme di crypto in Italia | Aprile 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

fe15b72da07ec62f99f310830f75499d?s=120&d=wp_user_avatar&r=g
Kyle è emigrato dalla costa orientale degli Stati Uniti al Sud-Est asiatico dopo essersi laureato nel 2010 presso l'Università East Stroudsburg della Pennsylvania. Seguendo le orme del nonno, Kyle ha iniziato ad acquistare azioni e metalli preziosi durante l'adolescenza. Questo ha scatenato il suo interesse per la conoscenza e la scrittura delle criptovalute. Ha iniziato come copywriter per Bitcoinist nel 2016 prima di assumere il ruolo di redattore presso BeInCrypto all'inizio del 2018.
Leggi la biografia completa