Per saperne di più

Che cos’è il dimezzamento del Bitcoin?

16 mins
Aggiornato da Mary Basile

Solo pochi eventi nel mondo delle criptovalute sono così attesi come il dimezzamento del bitcoin. Evento che si verifica all’incirca ogni quattro anni, il dimezzamento del bitcoin riduce le ricompense dei blocchi di BTC e minimizza la quantità di bitcoin che entra nell’offerta. Sebbene a prima vista il dimezzamento possa sembrare una strategia di riduzione dell’offerta, ha diverse implicazioni profonde, includendo il fatto di rendere la rete più decentralizzata e resistente all’inflazione e i minatori meno dipendenti dall’emissione diretta di BTC.

Sebbene gli effetti principali dell’imminente istanza di dimezzamento del 2024 comportino la riduzione delle ricompense dei blocchi da 6,25 BTC a 3,125 BTC e l’aumento della scarsità digitale, sono previsti anche effetti secondari e terziari come l’aumento della capitolazione dei minatori e la maturazione della rete. Tuttavia, c’è molto di più da discutere su questo momento spartiacque della criptovaluta che alcuni casi d’uso.

In questa guida approfondiamo il significato, la necessità, i meccanismi e le diverse interpretazioni del dimezzamento del Bitcoin. Analizziamo anche l’impatto storico sui prezzi dei precedenti eventi di dimezzamento come parte dei cicli di mercato.

Il dimezzamento del Bitcoin e i suoi fondamenti

Per capire quanto sia cruciale il dimezzamento del Bitcoin, è necessario un rapido ripasso. Capire come doveva funzionare il Bitcoin secondo la visione di Satoshi Nakamoto è fondamentale per valutare l’importanza di questo evento fondamentale.

Il mining di Bitcoin

La rete Bitcoin comprende minatori che risolvono problemi complessi per convalidare e aggiungere transazioni al registro della blockchain. Poiché i minatori svolgono un lavoro reale, l’algoritmo di consenso che guida la rete è definito proof-of-work (PoW).

Quando i minatori aggiungono nuovi blocchi alla blockchain convalidando le transazioni, ricevono BTC di nuova creazione per i loro sforzi. Si può considerare questo processo come il lavoro in una miniera d’oro, con i mining che cercano di scavare e portare alla luce metalli preziosi. Tuttavia, il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto, si è reso conto che la generazione di queste ricompense deve essere regolata nel tempo, come un “termostato digitale” per garantire che l’offerta non cresca troppo rapidamente o addirittura si fermi. È qui che è stato concretamente implementato il Bitcoin Dimezzamento.

Ecco un post che mostra come l’HODLing del BTC sia in ascesa, facendo spazio a un’ulteriore scarsità digitale:

Premi ed emissioni

Quando Bitcoin è nato nel 2009, le ricompense dei blocchi erano fissate a 50 BTC. Ciò significava che il mining di ogni blocco attirava 50 BTC. Tuttavia, il programma di dimezzamento prevedeva che l’emissione di base – 50 BTC all’inizio – si riducesse alla metà dopo ogni 210.000 blocchi. Nel 2023, le ricompense dei blocchi sono fissate a 6,25 BTC, il che significa che il Bitcoin ha già subito tre cicli di dimezzamento.

Ormai dovrebbe essere chiaro che il dimezzamento mira a ridurre l’emissione di BTC nel tempo. Va notato che le ricompense in BTC sono state inizialmente introdotte per incentivare i giocatori ad agire come nodi e a convalidare le transazioni. L’obiettivo non è mai stato quello di fare l’elemosina. Al contrario, la base stessa delle operazioni del Bitcoin doveva essere costituita dalle commissioni di transazione, che i cicli di dimezzamento mirano a promuovere riducendo l’emissione.

La decentralizzazione

Il dimezzamento del Bitcoin non aiuta solo a controllare l’emissione. Al contrario, contribuisce a mantenere l’intera rete decentralizzata attraverso le seguenti implementazioni:

  1. Con la diminuzione delle ricompense, l’enfasi sull’emissione diretta di BTC è minima, mentre è maggiore l’enfasi sul lavoro effettivo, ovvero la risoluzione dei calcoli e la convalida delle transazioni.
  2. Poiché il lavoro sarà sempre necessario per mantenere attiva la rete Bitcoin, il dimezzamento e la maggiore enfasi sulla generazione di commissioni offre ai minatori un incentivo economico perpetuo per la gestione delle operazioni.
  3. La riduzione dell’emissione riduce al minimo l’accumulo di BTC nel tempo.
  4. Migliora la concorrenza diretta tra i minatori, poiché tutti cercheranno di ottenere una quota maggiore delle commissioni di transazione, non delle ricompense dirette.
  5. Gli incentivi basati sulle commissioni sono migliori per promuovere un senso di adozione e utilità. Sarebbe quindi improbabile che i minatori facciano confluire la loro potenza di mining collettiva per entrare in possesso di monete emesse direttamente. C’è ancora del lavoro da fare, punto e basta.

Sicurezza, incentivi e consenso

Oltre a favorire il decentramento, il dimezzamento di Bitcoin contribuisce anche a diverse altre caratteristiche della rete, includendo:

  • Miglioramento della sicurezza della rete, in quanto i minatori sono tenuti a lavorare di più per aumentare le loro possibilità di guadagno.
  • Poiché le ricompense dirette si riducono, si scoraggia l’insieme della potenza dei nodi. Ciò significa che nel tempo si prevede l’esistenza di un maggior numero di nodi Bitcoin, rendendo la rete più decentralizzata e sicura.
  • Poiché i minatori, grazie alla riduzione dell’emissione, devono lavorare di più, il dimezzamento può rendere l’hardware e la potenza di calcolo del mining più elusivi e popolari nel tempo.

Anche la potenza di calcolo, nota anche come hash rate, è legata al ciclo di dimezzamento di Bitcoin. Vediamo come:

Tasso di hash e relazione con il dimezzamento

Il mining di BTC richiede potenza di calcolo, detta anche hash rate. Un altro modo di vedere l’hash rate è quello di valutare il numero di calcoli che i minatori eseguono ogni secondo per ottenere le ricompense. Ora che il dimezzamento del Bitcoin riduce le possibilità di vincere queste ricompense, i minatori meno redditizi dopo l’evento tendono a spegnere i loro impianti, riducendo così il tasso di hash associato alla rete.

Un tasso di hash più basso riduce momentaneamente la difficoltà di mining di Bitcoin, attirando altri minatori e hardware di mining specializzato. Tutto ciò contribuisce a far aumentare nuovamente il tasso di hash, amplificando ulteriormente la sicurezza della rete. Inoltre, vale la pena notare che il dimezzamento di Bitcoin, il tasso di hash e l’orologio di regolazione della difficoltà incorporato in Bitcoin sono interconnessi.

Ecco una rapida dimostrazione di come tutto questo funzioni come un orologio:

Quando l’emissione diretta cala, i minatori non-profit spesso chiudono le piattaforme, abbassando il tasso di hash. Tuttavia, il meccanismo di autoregolazione della difficoltà di Bitcoin traccia attentamente le variazioni del tasso di hash dopo ogni 2.016 blocchi e in genere lo abbassa ogni due settimane dopo il dimezzamento. Questo rende più facile il mining di BTC, portando nuovi giocatori nel mix. Una volta che i nuovi minatori e le loro attrezzature entrano nello schema delle cose, il tasso di hash ricomincia a salire.

Nel complesso, il programma di dimezzamento e la strategia di aggiustamento della difficoltà di Bitcoin mirano a ripristinare l’equilibrio della redditività nonostante il calo delle emissioni. Questo meccanismo è ciò che mantiene la sicurezza della rete e l’interesse dei minatori.

Il dimezzamento di Bitcoin: la meccanica

Ora che abbiamo esplorato tutti gli aspetti della rete legati al dimezzamento del Bitcoin, approfondiamo il funzionamento dei numeri nel tempo.

Ricordiamo che il Bitcoin ha una disponibilità massima di 21 milioni di BTC e che il limite iniziale di ricompensa dei blocchi è stato fissato a 50 BTC. In base alla programmazione, la rete dovrebbe dimezzare le ricompense dei blocchi ogni 210.000 blocchi, con “0” come blocco di genesi.

Inoltre, poiché ogni blocco impiega 10 minuti per formarsi, la tempistica di 210.000 blocchi si traduce in genere in quattro anni circa.

Pertanto, poiché il mining di Bitcoin è iniziato il 3 gennaio 2009 al blocco genesi, la ricompensa del blocco era di 50 BTC. Il 28 novembre 2012, al completamento di 210.000 blocchi, le ricompense sono scese a 25: 50 x 0,5.

Vale la pena notare che il BTC continuerà a subire cicli di dimezzamento finché il valore delle ricompense non scenderà sotto 1 Satoshi o 0,00000001 BTC, secondo il limite di divisibilità. Questo calcolo ha fissato il numero massimo di eventi di dimezzamento a 33, con l’ultimo previsto nel 2136 – 4 anni prima che venga minato l’ultimo BTC.

Schema di dimezzamento del Bitcoin come tweet:

Nota: la parte “Ultimo BTC” si riferisce all’ultimo bit di BTC o Satoshi che i minatori possono ottenere come ricompensa diretta.

Inoltre, in base alla meccanica di dimezzamento, si prevede che il prossimo dimezzamento avverrà in prossimità del 27 aprile 2024.

Dopo tale data, gli incentivi economici saranno tutti specifici per le commissioni e non avranno nulla a che fare con le ricompense dirette.

Impatto sull’inflazione

Come accennato in precedenza, il dimezzamento dei Bitcoin ha un ruolo da svolgere nel mantenere l’inflazione della rete entro standard gestibili. Una volta sbloccata l’intera offerta di BTC entro il 2140, possiamo aspettarci che l’emissione diventi addirittura deflazionistica, grazie ai BTC persi. Tuttavia, fino a quel momento, il programma di dimezzamento del Bitcoin, codificato in modo rigido, mirerà a tenere a bada l’indebolimento del valore.

Dimezzamento del Bitcoin e riduzione dell’inflazione: MoneyPrinter

Ad esempio, il Bitcoin ha attualmente un tasso di inflazione di quasi l’1,85%, ben al di sotto del 2% che la maggior parte delle valute fiat e delle banche centrali si sforzano di raggiungere.

Tuttavia, il tasso di inflazione, grazie ai cicli di dimezzamento, potrebbe ridursi. Ecco una visione più semplicistica della situazione, che spiega come e dove può arrivare l’inflazione del BTC dopo il dimezzamento del 2024.

  • Ricompensa attuale del blocco (luglio 2023): 6,25 BTC
  • Ricompensa di blocco prevista dopo il dimezzamento del maggio 2024: 3,125 BTC
  • Emissione annuale prevista dopo il dimezzamento (3,125 BTC per blocco): 1.642.500 BTC
  • Offerta di Bitcoin prevista dopo il dimezzamento (maggio 2024): ~19.500.000 BTC
  • Tasso di inflazione previsto dopo il dimezzamento del maggio 2024: Emissione annuale / Offerta prevista
    = 1.642.500 / 19.500.000 = ~0,84%.

Sono confuso su come funziona l’emissione annuale! Leggi tutto:

  • Emissione annuale attuale di Bitcoin = 6,25 BTC * 144 blocchi al giorno * 365 giorni = 3.285.000 BTC all’anno (approssimativo)
  • Offerta attuale di Bitcoin (luglio 2023) = ~19.000.000 BTC (approssimativo)
  • Tasso di inflazione attuale (luglio 2023) = Emissione annuale / Offerta attuale = 3.285.000 / 19.000.000 = ~1,85%.

È evidente che il dimezzamento del Bitcoin potrebbe avere un effetto positivo sulla struttura monetaria del BTC, rendendolo un’opzione più desiderabile rispetto al denaro che può essere stampato a piacimento.

Dovrei investire in Bitcoin prima del dimezzamento?

Chiedere a chiunque di investire in BTC prima o dopo il dimezzamento potrebbe sembrare speculativo. Tuttavia, un approccio più equilibrato consisterebbe nel dare un’occhiata ai precedenti dimezzamenti, osservare le oscillazioni dei prezzi e strategizzare di conseguenza la prossima linea d’azione.

Storia del dimezzamento

2012 (punti di prezzo approssimativi)

Il primo evento si è verificato il 28 novembre 2012, con il prezzo del BTC a quasi 11 dollari, 30 giorni prima del dimezzamento. Nei 30 giorni successivi, il prezzo è salito a 12 dollari. Tuttavia, verso novembre 2013, il BTC scambiava a 1.150 dollari circa, con un guadagno del 10.000%.

2016 (punti di prezzo approssimativi)

Il secondo evento di dimezzamento del 9 luglio 2016 ha visto i prezzi passare da 650 a 600 dollari (approssimativamente), un mese tra gli eventi. Tuttavia, a luglio 2017, il BTC scambiava a quasi 2.500 dollari, con un guadagno di quasi il 300% su base annua.

2020 (punti di prezzo approssimativi)

L’ultimo evento di dimezzamento si è verificato l’11 maggio 2020, quando i prezzi del BTC scambiavano tra 8.500 e 9.500 dollari, un mese prima e dopo il dimezzamento. Tuttavia, sappiamo tutti dove si sono spostati i prezzi nel maggio 2021. A quasi 56.000 dollari, il BTC aveva accumulato un guadagno di quasi il 500%.

Zone di dimezzamento del Bitcoin: TradingView

Sebbene non si tratti di speculazioni, le impennate dei prezzi del BTC dopo il dimezzamento sono state costanti e sostenute. Tuttavia, cavalcare queste onde di prezzo non ha senso se non si considerano i seguenti fattori:

Cicli di hype

È importante non prestare molta attenzione ai discorsi dei social media sul dimezzamento. Gli investitori possono nutrire aspettative contrastanti e i diversi social handle possono presentare narrazioni diverse. Il modo migliore è quello di escludere tutto ciò che accade tre mesi prima e tre mesi dopo l’evento.

Rischi e ribassi

Ci si può aspettare che il prezzo del BTC attraversi periodi di volatilità, tra i 6 e i 12 mesi dopo l’evento. Ciò è dovuto al fatto che il colpo dell’offerta e le dinamiche dei minatori richiedono un certo tempo per entrare in azione.

“La teoria del ciclo di dimezzamento del Bitcoin prevede mercati rialzisti dopo ogni dimezzamento, ma fattori esterni e cicli di mercato possono oscurare il suo impatto”.

Gert van Lagen, analista tecnico: Twitter

Oltre ai cicli di hype e alla gestione del rischio, gli investitori a lungo termine devono dare priorità alla tolleranza al rischio, a una strategia di scambiare diversificata e all’allineamento con i sentimenti del mercato prima di procedere. Tuttavia, discuteremo le strategie di investimento associate al dimezzamento in un articolo separato.

Indicatori legati al dimezzamento del Bitcoin: una premessa

È possibile comprendere meglio i cicli di dimezzamento del Bitcoin grazie ad alcuni importanti indicatori. Anche se ne parleremo diffusamente nel corso del nostro articolo sugli investimenti legati al dimezzamento, è opportuno dare un’occhiata più da vicino ad alcuni di essi. In qualità di aspiranti o esperti trader/investitori, dovreste tenere d’occhio questi indicatori, soprattutto in prossimità dei punti di dimezzamento, per valutare meglio le mosse e le possibilità dei prezzi:

Stock-to-Flow

Il modello S2F (Stock-to-Flow ) del Bitcoin favorisce la narrazione della scarsità del BTC. Poiché il dimezzamento è un’implementazione che limita l’offerta, il modello S2F prevede un aumento dei prezzi intorno all’evento.

Dimezzamento del Bitcoin e modello S2F: LookintoBitcoin

Nastri di hashish

Questo indicatore utilizza le medie mobili relative al tasso di hash del Bitcoin per individuare le tendenze ribassiste e rialziste. Come in una strategia standard di incrocio di medie mobili, la MA a 30 giorni che si muove sotto la MA a 60 giorni segnala una tendenza ribassista.

Dimezzamento del Bitcoin e nastro di hash: LookintoBitcoin

Gli Hash Ribbon offrono un approccio più conservativo nei confronti degli aumenti di prezzo successivi al dimezzamento, poiché i minatori impiegano un po’ di tempo per rientrare in gioco.

Rapporto HODL realizzato

È una metrica sul blockchain che rappresenta il rapporto tra detentori a lungo e a breve termine.

Dimezzamento del Bitcoin e rapporto RHODL: LookintoBitcoin

Durante il dimezzamento, il rapporto tende ad aumentare in quanto l’attenzione a lungo termine aumenta e lo scarico a breve termine avviene come parte della narrativa buy-the-news, sell-the-event.

Rapporto NVT

L’NVT, o Network Value to Transaction Ratio, è una metrica che indica se l’asset è in territorio di ipervenduto o ipercomprato. Si noti che NVT è un rapporto comparativo tra la capitalizzazione di mercato di BTC e il volume delle transazioni. Intorno al dimezzamento, il rapporto sembra impennarsi quando il market cap aumenta a causa degli input speculativi, ma l’attività di rete rimane nominale perché non è così facile aumentare l’attività di rete sul blockchain.

Dimezzamento del Bitcoin e rapporto NVT: Woobull

Un rapporto NVT più alto indica una zona di ipercomprato, e l’ampiezza mostra quale punto più vicino al dimezzamento è meglio uscire o addirittura entrare.

Altri modelli di valutazione chiave associati al dimezzamento del Bitcoin:

Che impatto ha il dimezzamento sulla redditività dei minatori?

Il dimezzamento del Bitcoin ha un impatto sulle dinamiche della domanda e dell’offerta di BTC. Tuttavia, ha un impatto anche sulla redditività dei minatori, che sono quelli che ricevono direttamente le ricompense per il mining. Anche se la redditività e l’economia della rete Bitcoin tornano al ritmo abituale mesi dopo il dimezzamento, i minatori devono affrontare un nervosismo iniziale, catturato perfettamente dallo stato delle entrate dei minatori, dalle vendite di hardware per il mining e dall’indicatore di capitolazione dei minatori.

Impatto sulle entrate dei minatori

Se consideriamo che il 90% delle entrate dei minatori proviene dalle ricompense dei blocchi – a 6,25 BTC per blocco, si prevede che il prossimo avere farà scendere la stessa cifra tra il 70% e l’80%. Anche se questo inizialmente colpirà le entrate dei minatori, la riduzione della difficoltà di mining porterà più minatori nel mix.

Per quanto riguarda le metriche chiave, come minatori dovreste tenere d’occhio i seguenti aspetti:

  1. Hashrate: È un buon momento per entrare nel mining una volta che il tasso scende.
  2. Difficoltà: Scende settimane dopo il dimezzamento per ripristinare l’equilibrio della redditività.
  3. Prezzo dell’hash: Questo parametro mette a confronto il prezzo unitario del BTC e il costo del mining. Un rapporto basso indica la redditività del mining.
  4. Efficienza ASIC: L’attenzione dovrebbe essere rivolta all’alta efficienza, in quanto riduce i costi operativi e contribuisce a migliorare i margini.

Impatto sull’hardware per il mining

L’impatto del dimezzamento del Bitcoin sull’hardware per il mining non è così immediato. Al contrario, lo stesso passa attraverso i seguenti passaggi:

  1. Quando le ricompense per i blocchi o piuttosto per il mining si riducono, l’acquisto di nuovo hardware non avviene in modo così aggressivo.
  2. Migliori opzioni hardware portano a una maggiore efficienza degli ASIC e a maggiori possibilità di profitto. È qui che i minatori iniziano a riconsiderare l’ingresso nel settore.
  3. Con l’aumento del prezzo del BTC, che di solito avviene dopo il dimezzamento, entrano in gioco nuovi operatori di mining che giustificano i loro investimenti in hardware.

Capitolazione dei minatori e bottom del BTC

La capitolazione dei minatori è un fattore importante da considerare se si vuole identificare il potenziale basato sul prezzo di un evento di dimezzamento. Come indicatore a sé stante, la capitolazione a lungo termine spesso coincide con i bottom dei prezzi. Tuttavia, è necessario associare l’indicatore di capitolazione dei minatori a cali di difficoltà, tassi di hash e movimenti di prezzo per confermare gli effettivi bottom.

Dimezzamento del Bitcoin e capitolazione dei miner: Bitbo

Inoltre, un periodo di elevata capitolazione può significare un paio di cose. In primo luogo, può significare una maggiore pressione di vendita sul BTC. In secondo luogo, può anche significare che le mani deboli si stanno lentamente allontanando, trasferendo la narrazione ai detentori a lungo termine.

Il dimezzamento del Bitcoin comporta delle preoccupazioni?

Il dimezzamento del Bitcoin è uno degli eventi più ambiti nello spazio delle criptovalute, soprattutto a causa della maggiore predominanza del BTC. Anche se il dimezzamento mira a rendere più solido il modello di domanda-offerta del BTC e a promuovere il concetto di decentralizzazione, non è privo di sfide. Queste includono:

  1. Volatilità immediata e a breve termine dei prezzi.
  2. Un calo dei profitti dei minatori.
  3. Rischi di centralizzazione dei minatori, in quanto gli operatori più grandi potrebbero prendere in considerazione la possibilità di raggruppare le operazioni per ottenere anche una minima possibilità di profitto.
  4. Una liquidità più ristretta immediatamente intorno agli eventi di dimezzamento.
  5. Aumento del clamore e delle speculazioni, soprattutto sui social media.
  6. Possibilità che le strategie MEV (Maximal Extractable Value) prendano piede, poiché con la riduzione delle ricompense dei blocchi, i minatori inizieranno a dare priorità alle transazioni ad alto costo.

Oltre alle minacce citate, possono emergere anche FUD e FOMO crescenti in prossimità di un evento di dimezzamento.

Feste di dimezzamento del Bitcoin:

Cosa significa il dimezzamento del Bitcoin per lo spazio delle criptovalute in generale?

Il dimezzamento del Bitcoin non è altro che un evento celebrativo in criptovaluta. Gli appassionati di Bitcoin hanno persino creato feste di dimezzamento per celebrare ogni evento. E si prevede che il 2024 non sarà diverso. Sebbene il dimezzamento abbia diverse conseguenze positive per l’offerta e il prezzo del BTC, ogni caso di dimezzamento non è privo di sfide a breve termine. Tra queste, il calo della redditività del mining, il FUD e altro ancora.

Tuttavia, il quadruplice dimezzamento del Bitcoin è indice di uno spazio crittografico in via di maturazione. E questo dimostra quanto sia diversa e solida la sua politica monetaria rispetto alle soluzioni fiat tradizionali.

Domande frequenti

Qual è la data del prossimo dimezzamento di Bitcoin?

Cos’è il dimezzamento di Bitcoin 2024?

Il prezzo di Bitcoin rialzerà dopo il dimezzamento?

Il dimezzamento è buono per il Bitcoin?

Quante volte può dimezzare il Bitcoin?

Ne vale la pena fare mining nel 2024?

È possibile che il dimezzamento di Bitcoin possa causare una carenza in offerta?

Perché il Bitcoin si dimezza?

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Scopri la dichiarazione di non responsabilità

All the information contained on our website is published in good faith and for general information purposes only. Any action the reader takes upon the information found on our website is strictly at their own risk.

Ananda.png
Ananda Banerjee è un technical copy/content writer specializzato in web3, cripto, Blockchain, AI e SaaS, con una carriera di oltre 12 anni. Dopo aver completato il suo M.Tech in ingegneria delle telecomunicazioni presso il RCCIIT, in India, Ananda ha subito abbinato il suo acume tecnico alla creazione di contenuti in una carriera che lo ha visto collaborare con Towardsdatascience, Hackernoon, Dzone, Elephant Journal, Business2Community e altri ancora. A BIC, Ananda contribuisce attualmente...
Leggi la biografia completa