Per saperne di più

Le normative sulle criptovalute negli Stati Uniti si inaspriscono mentre Joe Biden blocca il sito di mining di proprietà cinese

4 mins
Aggiornato da Mary Basile

In breve

  • Joe Biden interrompe l'affare immobiliare della società di mining di criptovalute di proprietà cinese vicino alla base militare statunitense.
  • La direttiva cita potenziali rischi di sorveglianza e spionaggio derivanti da apparecchiature straniere.
  • L'azienda deve conformarsi agli ordini di dismissione e rimozione delle attrezzature entro 120 giorni.
  • promo


Il 13 maggio, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha emesso una direttiva che vieta a MineOne di acquisire immobili vicino a una base missilistica strategica. Il governo degli Stati Uniti ha scoperto che MineOne, principalmente di proprietà di cittadini cinesi, mirava a utilizzare la proprietà per il mining di criptovalute.

Questa decisione deriva da preoccupazioni per la sicurezza nazionale a causa della vicinanza del sito alla Francis E. Warren Air Force Base. La base ospita i missili balistici intercontinentali Minuteman III.

Le preoccupazioni per la sicurezza nazionale spingono all’azione presidenziale

Il Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS) ha riscontrato dei rischi nelle attrezzature specializzate di proprietà straniera presenti nel sito.

“La vicinanza dell’immobiliare di proprietà straniera a una base missilistica strategica ed elemento chiave della triade nucleare americana, e la presenza di attrezzature specializzate e di provenienza straniera potenzialmente in grado di facilitare le attività di sorveglianza e spionaggio, rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, si legge nell’ordine del presidente.

A seguito di questi risultati, l’operazione è stata vietata. MineOne e i suoi affiliati devono vendere o trasferire tutti gli interessi di proprietà nella proprietà entro 120 giorni. Inoltre, devono rimuovere tutte le attrezzature e i miglioramenti dal sito entro 90 giorni e certificare il completamento di queste azioni.

Per saperne di più: Recensione di GoMining: Una guida completa in 2024

MineOne e i suoi affiliati non possono accedere alla proprietà durante questo periodo e devono garantire il rispetto dell’ordine. Devono inoltre fornire aggiornamenti settimanali al CFIUS fino a quando tutte le condizioni non sono soddisfatte.

Il Dipartimento del Tesoro ha rilasciato una dichiarazione ufficiale a seguito dell’ordine del Presidente. Nella dichiarazione, il segretario al Tesoro Janet L. Yellen ha sottolineato che questo ordine mostra l’impegno del presidente Biden a proteggere la sicurezza nazionale.

“Evidenzia anche il ruolo critico di gatekeeper che il CFIUS svolge per garantire che gli investimenti esteri non compromettano la nostra sicurezza nazionale, in particolare per quanto riguarda le transazioni che presentano rischi per le installazioni militari statunitensi sensibili, nonché quelle che coinvolgono attrezzature e tecnologie specializzate”, ha aggiunto il segretario Yellen.

Inoltre, l’Assistente Segretario del Tesoro per la Sicurezza degli Investimenti, Paul Rosen, ha ribadito che il CFIUS si aspetta informazioni complete, accurate e tempestive dalle parti coinvolte. Ha anche sottolineato che l’incapacità di affrontare i rischi per la sicurezza nazionale richiederebbe azioni decisive, compresi gli interventi presidenziali.

Questo ordine segue la proposta del Dipartimento del Tesoro di una tassa del 30% sul consumo di elettricità da parte delle società di mining di criptovalute nell’ambito delle proposte sulle entrate dell’anno fiscale 2025. Questa proposta mira a mitigare l’impatto ambientale della crescente domanda di energia del settore del mining di criptovalute.

In base a questo schema, le società di mining di criptovalute devono segnalare la quantità e il costo dell’elettricità consumata, compresa la produzione di energia off-grid. L’imposta sarà introdotta gradualmente, partendo dal 10% e raggiungendo il 30% entro il terzo anno, a partire dal 1° gennaio 2025.

Le politiche crypto di Biden suscitano polemiche e reazioni del settore

La posizione più dura dell’amministrazione Biden nei confronti dell’industria delle criptovalute è ulteriormente evidenziata dalla sua posizione su H.J. Res 109, una risoluzione per annullare il Bollettino contabile del personale (SAB) 121 della Securities and Exchange Commission (SEC). Questo bollettino richiede alle istituzioni finanziarie di includere gli asset digitali dei clienti nei loro bilanci, cosa che la comunità delle criptovalute vede come onerosa.

La Casa Bianca ha chiarito che respingere questa norma indebolirebbe le protezioni della SEC per gli investitori e il sistema finanziario. Il presidente Biden è pronto a porre il veto alla risoluzione.

In risposta all’attuale contesto normativo, gli operatori del settore si stanno mobilitando per sostenere i candidati politici pro-crypto. Coinbase ha creato un nuovo comitato di azione politica (PAC) chiamato “Stand With Crypto” per sostenere finanziariamente i candidati crypto-friendly.

Il PAC di Coinbase ha ottenuto il sostegno di varie parti, tra cui Moonpay, una piattaforma fintech che supporta le transazioni crittografiche. Il CEO di Moonpay, Ivan Soto-Wright, ha sottolineato l’importanza di far progredire l’innovazione delle criptovalute.

“Le elezioni di quest’anno definiranno il futuro del nostro settore negli Stati Uniti ed è nostra responsabilità fare un passo avanti e stare al fianco di quelle organizzazioni che vogliono far progredire positivamente l’innovazione crittografica per tutti”, ha affermato Soto-Wright.

La legislazione che interferirebbe con le criptovalute è una preoccupazione tra gli elettori cripto-positivi.
La legislazione che interferirebbe con le criptovalute è una preoccupazione tra gli elettori cripto-positivi. Fonte: The Blockchain Association

Inoltre, figure di spicco della comunità crypto, come Mark Cuban e Hayden Adams, hanno avvertito che l’attuale posizione di Biden potrebbe avere un impatto sulle prossime elezioni. L’avvertimento è in linea con un recente rapporto della Blockchain Association. Il rapporto indica che un elettore statunitense su cinque considera le criptovalute una questione chiave, con molti candidati diffidenti che interferiscono con le criptovalute.

Top piattaforme di crypto in Italia | Maggio 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

Lynn-Wang.png
Lynn Wang è una giornalista esperta e creatrice di contenuti con oltre otto anni di esperienza nel marketing digitale e nel giornalismo sulle criptovalute. Le sue competenze riguardano la strategia SEO, la tecnologia blockchain e il Web3, dove ha sempre realizzato iniziative di contenuto d'impatto e coinvolto efficacemente il pubblico. Dal gennaio 2022, Lynn è stata in prima linea nella gestione dei contenuti e della comunità di BeInCrypto Indonesia. Sotto la sua dirigenza, la piattaforma...
Leggi la biografia completa