Per saperne di più

OpenSea termina il supporto alla catena BNB, spostando le royalties del creatore di NFT

4 mins
Aggiornato da

Questa settimana Opensea ha apportato diverse modifiche alla sua politica. In futuro, la piattaforma non supporterà più le transazioni NFT su BNB Chain e non applicherà il pagamento delle royalty sulle vendite secondarie.

Gli ultimi annunci hanno diviso la comunità NFT, con creatori e collezionisti che hanno reagito alla notizia.

Opensea interrompe il supporto per BNB Chain

In un comunicato di venerdì 18 agosto, OpenSea ha dichiarato che non faciliterà più gli scambi di NFT su BNB Chain. Tuttavia, gli utenti potranno ancora visualizzare, esplorare e trasferire i BNB NFT sulla piattaforma.

Spiegando le motivazioni alla base della decisione, OpenSea ha dichiarato che:

“Con l’evoluzione del nostro spazio, dobbiamo allineare le risorse agli sforzi più promettenti. Abbiamo deciso che il costo per continuare a supportare [la catena BNB] supera l’impatto”.

Leggendo tra le righe, sembra che OpenSea stia scegliendo di concentrare le proprie energie sul mercato molto più ampio delle NFT basate su Ethereum, dove deve affrontare una forte concorrenza da parte dei rivali.

OpenSea afferma di essere ancora ottimista sul Multi-Chain, ma alcuni utenti non sono d’accordo

Avendo lanciato la funzione solo nel novembre 2022, la decisione rappresenta un duro colpo per le ambizioni della piattaforma di trading NFT.

Tuttavia, OpenSea insiste sul fatto di essere “ancora ottimista sul futuro multi-catena”.

A riprova di ciò, la società ha indicato le integrazioni Ethereum Layer 2 recentemente implementate che consentono agli utenti di coniare e scambiare NFT su Base e Zora.

Altre reti L2 supportate da OpenSea sono Arbitrum, Optimism e Polygon. Anche gli NFT coniati su Avalanche, Klaytn e Solana possono essere negoziati sulla piattaforma.

Tuttavia, nonostante il rinnovato impegno dell’azienda verso l’approccio multichain, gli utenti di X (ex Twitter) hanno sottolineato che il supporto per Tezos non si è maiconcretizzato. Sebbene la società abbia promesso di integrare le NFT basate su Tezos nella piattaforma già nel febbraio 2021, gli utenti stanno ancora aspettando.

Cambiamenti importanti alle commissioni per i creatori di OpenSea

La decisione di cessare il supporto per il trading di NFT basato su BNB non è l’unico annuncio che ha diviso gli utenti di OpenSea questa settimana.

Giovedì 17 agosto, la società ha rivelato delle modifiche ai termini di utilizzo che potrebbero diminuire le royalties guadagnate dai creatori di NFT.

I creatori generano un reddito ogni volta che il loro NFT viene venduto sul mercato secondario. Questo era previsto dal vecchio sistema, in vigore dal novembre 2022.

Per far rispettare la politica, OpenSea bloccava i trasferimenti alle piattaforme che non accettavano di continuare a pagare le commissioni ai creatori ad ogni vendita.

Ma dalla fine di agosto, i commercianti di NFT su OpenSea non saranno più obbligati a pagare le royalties agli artisti. Verrà inoltre eliminato il blocco dei trasferimenti ad altri marketplace.

In un post sul blog che annunciava i cambiamenti, l’amministratore delegato di OpenSea, Devin Finzer, ha sostenuto che per far funzionare il modello di pagamento dei creatori è necessaria la partecipazione dell’intero ecosistema esteso.

“L’obiettivo era quello di conferire ai creatori un maggiore controllo sui loro modelli di business su Web3, ma richiedeva l’adesione di tutti i membri dell’ecosistema Web3, cosa che purtroppo non è avvenuta”.

I creatori di NFT lamentano i cambiamenti nella politica delle royalties di OpenSea

Non sorprende che i creatori di NFT abbiano reagito negativamente alla notizia. Molti hanno denunciato la mossa online e hanno sfogato le loro frustrazioni contro OpenSea. Un utente ha risposto:

È bello vedervi prendere altre decisioni commerciali sbagliate basate su ipotesi errate di interpretazione dei dati e isolare ulteriormente il vostro unico pubblico fedele. Buona fortuna.

Inoltre, non sono solo i piccoli artisti a essere delusi dalla potenziale perdita di entrate.

In risposta ai cambiamenti, il CEO di Yuga Labs Daniel Alegre ha dichiarato:

“Per quanto le NFT abbiano riguardato la reale proprietà degli utenti sui loro beni digitali, hanno anche riguardato il potenziamento dei creatori. Yuga crede nella protezione delle royalties dei creatori, in modo che questi ultimi siano adeguatamente compensati per il loro lavoro”.

In futuro, il creatore Bored Ape Yacht Club (BAYC) non supporterà più il contratto del marketplace Seaport di OpenSea.

Questo significa che Yuga Labs bloccherà di fatto tutte le nuove collezioni dal commercio su OpenSea. Ove possibile, modificherà anche i contratti esistenti per impedirne la quotazione.

In precedenza, Yuga Labs ha inserito nella lista nera dei marketplace NFT, tra cui Blur, SudoSwap, LooksRare e NFTX, alcune delle sue collezioni più recenti per la mancata applicazione dei pagamenti delle royalty.

Tuttavia, la riscossione dei compensi da parte dei commercianti della sua collezione più nota, BAYC, si è rivelata una sfida più ardua. A causa della natura del contratto BAYC, è improbabile che Yuga possa impedire unilateralmente che le NFT siano quotate su OpenSea.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

2eb9cabf21da9548366d1b852a83a200.png
James è un redattore, scrittore ed esploratore della criptosfera con sede a Londra che ha iniziato la sua carriera giornalistica scrivendo di arte digitale prima di affinare il suo mestiere come reporter di tecnologia finanziaria. Dalle ultime innovazioni nel campo degli asset digitali all'evoluzione del Web3, è perennemente affascinato dalle tecnologie di decentralizzazione.
Leggi la biografia completa