Per saperne di più

BAYC NFT viene venduta a 153 ETH solo 11 mesi dopo l’acquisto di 777 ETH e perde l’80%.

2 mins
Aggiornato da

Una Bored Ape Yacht Club (BAYC) NFT, che era la Trippy Bored Ape più preziosa mai venduta nel novembre 2022 per 777 ETH, è passata di mano per 153 ETH.

Grazie a rari attributi, tra cui una pelliccia trippy e una corona d’oro, BAYC #8585 detiene il titolo di BAYC “Trippy” più costoso mai venduto, valutato a 777 ETH nell’ottobre 2022. Tuttavia, l’ultimo scambio rappresenta una perdita significativa per il venditore.

Il trader subisce una perdita di 624 ETH su uno dei BAYC NFT più preziosi

In termini di valore di Ethereum, l’ultima vendita rappresenta un ribasso dell’80% rispetto al prezzo precedente del NFT. Anche tenendo conto dei guadagni del mercato delle criptovalute dall’anno scorso, l’NFT vale ancora solo un quarto del suo precedente valore in dollari.

L’Ape annoiata #8585 “Trippy” detiene ancora il prezzo di vendita più alto nella sua categoria di pelliccia – e attualmente condivide il quinto posto con la vendita più costosa di Bored Ape secondo OpenSea.

Tuttavia, solo undici mesi dopo che il precedente acquirente aveva sborsato più di un milione di dollari per la NFT, questa è stata venduta con una perdita del 75%.

Bored Aper Yacht Club #8585 NFT
BAYC #8585 (Fonte: OpenSea)

Secondo NFTGo, la vendita è avvenuta domenica mattina sul mercato X2Y2.

Uno sguardo al portafoglio del nuovo proprietario rivela che si tratta di un avido collezionista di NFT. Il loro portafoglio comprende 176 NFT di 15 collezioni. Dopo l’ultimo acquisto, ora possiede sei NFT BAYC. Lo stesso portafoglio contiene anche tre CryptoPunk.

Siete alla ricerca di un nuovo exchange? Ecco i migliori bonus di iscrizione alle criptovalute nel 2023

Yuga Labs perde mentre i collezionisti di BAYC risparmiano sulle commissioni di royalties

Anche se non è il più grande mercato NFT per volume di scambi, X2Y2 offre un vantaggio importante per i trader: zero tasse di royalty obbligatorie.

In effetti, l’ascesa dei marketplace royalty-free si è fatta sentire in tutto l’ecosistema NFT. Questa settimana, una delle maggiori piattaforme di trading, OpenSea, ha annunciato l’abbandono delle commissioni obbligatorie per i creatori.

In risposta, Yuga Labs, che ha creato la collezione BAYC, ha dichiarato che avrebbe ritirato il suo supporto a OpenSea.

L’azienda intende impedire che le sue nuove collezioni siano elencate su OpenSea. Ove possibile, aggiornerà anche i contratti NFT esistenti per impedire l’inserimento nelle liste royalty-free.

Resta da vedere quanto sia efficace la strategia proposta da Yuga. A differenza di altre collezioni, non sarà possibile modificare il contratto BAYC per impedire l’inserimento nei marketplace che non applicano le tariffe dei creatori.

Sfortunatamente per l’azienda, questo significa che uno dei suoi più importanti flussi di entrate rischia di esaurirsi.

top NFT collection royalties earned BAYC
Le collezioni NFT che guadagnano più diritti (fonte: Nansen)


Secondo i dati di Nansen, le vendite del BAYC secondario hanno generato a Yuga Labs oltre 58 milioni di dollari in royalties, più di qualsiasi altra collezione NFT creata. Con royalties medie dell’1,53%, i BAYC NFT di maggior valore, come il #8585, sono stati una mucca da mungere per l’azienda. Ma quei giorni potrebbero essere contati.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

2eb9cabf21da9548366d1b852a83a200.png
James è un redattore, scrittore ed esploratore della criptosfera con sede a Londra che ha iniziato la sua carriera giornalistica scrivendo di arte digitale prima di affinare il suo mestiere come reporter di tecnologia finanziaria. Dalle ultime innovazioni nel campo degli asset digitali all'evoluzione del Web3, è perennemente affascinato dalle tecnologie di decentralizzazione.
Leggi la biografia completa