Per saperne di più

Esclusivo Ridefinire la finanza: Come l’IA e gli asset del mondo reale stanno plasmando l’evoluzione della DeFi

8 mins
Aggiornato da Maria Petrova

In breve

  • Claude Eguienta di Mimo Capital ha condiviso le sue riflessioni sul futuro della DeFi e delle RWA
  • Eguienta crede nell'immenso potenziale dell'AI per rivoluzionare il mondo decentralizzato
  • Il portafoglio Web3 di Mimo serve come piattaforma per esplorare l'intersezione tra AI e criptovalute
  • promo


Claude Eguienta, forza trainante di Mimo Capital, ha condiviso con BeInCrypto le sue riflessioni sullo stato attuale e futuro della DeFi.

Concentrandosi sull’integrazione degli asset del mondo reale(RWA) e sfruttando l’intelligenza artificiale (AI), il lavoro di Eguienta promette di inaugurare una nuova era per la finanza decentralizzata.

Claude Eguienta is the Chief Executive Officer at Mimo, leading the charge in creating protocols that provide tokenized real-world assets and enabling the minting of multiple price-stable currencies against collateral. Previously, Claude co-founded Telcoin, a startup focused on financial inclusion through blockchain-based remittances.

L’altopiano degli asset del mondo reale

Claude apre la discussione riflettendo sulla traiettoria degli RWA nell’ecosistema della finanza decentralizzata. Inizialmente, c’è stata un’ondata di entusiasmo quando piattaforme come Ondo Finance hanno introdotto nuovi protocolli, segnalando un nuovo vantaggio per gli RWA nella DeFi. Tuttavia, osserva l’esperto, lo slancio sembra essersi esaurito, rivelando un panorama in cui il vasto potenziale delle RWA rimane in gran parte non sfruttato a causa di varie sfide normative e di preparazione del mercato.

“Quella delle RWA è una storia che sta cercando di accadere da molto tempo. La spinta più grande è arrivata quando Ondo ha annunciato l’emissione di T-bills token a gennaio: Centrifuga è arrivata prima, ma credo che sia arrivata nel momento in cui il mercato non era pronto ad ascoltare queste cose. Dal punto di vista della bolla delle criptovalute, sembrava una cosa enorme e ha attirato molta attenzione. Ma se si tolgono dall’equazione un paio di grandi operatori e si guarda ai protocolli aperti che hanno una certa trazione da parte di utenti diversi dai rispettivi team fondatori, la situazione si è davvero stabilizzata”.

Nonostante questi ostacoli, la prospettiva di Eguienta sugli asset del mondo reale tokenizzati è tutt’altro che pessimista. Riconosce che il plateau è una fase piuttosto che uno stato permanente, suggerendo che la comunità DeFi è sull’orlo di strategie di integrazione RWA più sofisticate. Al di là degli asset convenzionali, la società sta esplorando la tokenizzazione delle operazioni di mining di Bitcoin e dei centri dati AI. Ad esempio, la complessità del mining di Bitcoin ha scoraggiato molti nonostante il loro interesse. La tokenizzazione delle operazioni demistifica il processo. Lo stesso vale per l’IA: il percorso tradizionale attraverso i broker, che spesso porta a suggerire di investire in società come NVIDIA, si è rivelato inadeguato per coloro che cercano un’esposizione diretta ai vantaggi finanziari dell’IA. Riconoscendo questa lacuna, Mimo Capital ha voluto fungere da ricongiunto, trasformandosi da un’opzione alternativa in un fattore abilitante volto all’interno dell’ecosistema economico.

Questo cambiamento non riguarda solo la diversificazione delle offerte, ma anche l’allineamento con i profili di rischio-rendimento intrinseci che attraggono la comunità delle criptovalute.

“L’obiettivo di molte stablecoin che rappresentavano l’RWA, come quelle che abbiamo proposto noi, USK e altre, era quello di fornire la convenienza di una stablecoin e il rendimento di un asset placement. Ma non si è concretizzato in questo modo nella testa degli utenti, perché la convenienza della liquidità degli stablecoin non è mai stata eguagliata da nessun asset RWA, almeno non ancora. Abbiamo esaminato lo stato degli RWA e abbiamo riconosciuto una disconnessione, rendendoci conto che gli utenti del mondo delle criptovalute non erano davvero impazienti di passare attraverso i cerchi del KYC e tutto il resto per un rendimento del 5%. Inoltre, la sicurezza offerta dall’RWA non era davvero adatta alle folle. Gli utenti disposti ad affrontare tutto questo preferivano registrarsi presso una piattaformadiscambio centralizzata e puntare a multipli invece che a guadagni percentuali a una cifra. Ora siamo di fronte a rendimenti molto più elevati, investimenti più rischiosi che corrispondono a ciò che gli appassionati di criptovalute stanno veramente cercando”.

AI: un catalizzatore per l’evoluzione della DeFi

Uno degli aspetti più intriganti della visione di Eguienta sul futuro della DeFi è il ruolo dell’IA. Dal miglioramento dei titoli di sicurezza e delle interfacce utente all’abilitazione di modelli finanziari più sofisticati, il potenziale dell’IA per rivoluzionare la DeFi è immenso. Eguienta condivide esempi di come l’IA possa fornire agli utenti un supporto decisionale, semplificare le revisioni contabili e offrire protezione contro le truffe.

“Non ho provato personalmente questi prodotti, ma Bunzz cerca di aiutare con le revisioni dei contratti intelligenti e Next Gem AI cerca di aiutare con i processi decisionali degli utenti per quanto riguarda la sicurezza. È chiaro che questi prodotti sono giovani, ma mostrano chiaramente la volontà del settore di integrare l’IA”.

Mimo Capital sta integrando l’intelligenza artificiale a diversi livelli, riflettendo una strategia globale per sfruttare l’AI per l’efficienza interna e lo sviluppo dei prodotti. L’azienda ha acquistato hardware specializzato nell’IA, una decisione dettata dal lungo impegno di Claude nella ricerca sull’IA e dai suoi comprovati vantaggi nell’ambito delle operazioni di Mimo.

Riconoscendo la domanda di IA in vari settori, Mimo ha identificato un’opportunità unica. Molte aziende, dalle case automobilistiche alle startup tecnologiche, cercano di incorporare l’IA. Questa domanda ha portato a un significativo colpo d’arresto dell’offerta nel mercato dell’hardware per l’IA, in particolare per i chip NVIDIA di fascia alta, necessari per addestrare in modo efficiente i modelli di IA. L’acquisizione strategica di queste risorse scarse consente a Mimo di offrirle in leasing, creando un nuovo prodotto generatore di reddito nel leasing di hardware per l’IA.

Pilota a bordo

Prevedendo una piattaforma più integrata per presentare queste offerte, Mimo ha sviluppato un portafoglio proprietario. Questo portafoglio è stato progettato per semplificare l’interazione dell’utente con gli investimenti DeFi, offrendo un modo semplice per gestire i portafogli su varie reti blockchain. Si tratta di una soluzione aperta e non custodiale che supporta una gamma più ampia di protocolli oltre alle catene compatibili con Ethereum Virtual Machine(EVM).

“Ci siamo detti: beh, questo potrebbe essere un prodotto che rende molto bene. Poi abbiamo iniziato a pensare a dove venderlo. La prima cosa che ci è venuta in mente è stata KUMA, la nostra principale piattaforma RWA. Ma pensavamo anche a un prodotto più ampio che meritasse un posto migliore dove essere venduto. Abbiamo quindi deciso di creare un portafoglio in cui fosse più facile effettuare procedureinserimentodiunnuovodipendete, visualizzare le posizioni DeFi e ottenere rendimenti. Mentre costruivamo questo portafoglio, ci siamo resi conto che sarebbe stato bello permettere alle persone di salire a bordo su più catene, un portafoglio non custodiale, open source, qualcosa che l’industria avrebbe dovuto costruire da molto tempo, ma non abbiamo visto nessun buon portafoglio open source che supportasse qualcosa di diverso dall’EVM”.

Questa ambizione ha portato allo sviluppo di un nuovo portafoglio, non solo come deposito di asset digitali, ma anche come piattaforma per esplorare l’intersezione tra AI e finanza. Durante il processo di sviluppo è emersa un’idea innovativa: incorporare un assistente AI progettato per offrire agli utenti una guida finanziaria personalizzata, in grado di analizzare le loro posizioni DeFi e le condizioni di mercato e di suggerire strategie attuabili.

L’integrazione dell’IA direttamente nel portafoglio lo trasforma da strumento per la gestione delle transazioni in un consulente interattivo in grado di eseguire raccomandazioni con un solo clic. Come esperimento, questa iniziativa viene affrontata con serietà e apertura all’apprendimento. Rappresenta un duplice sforzo per migliorare l’ecosistema delle criptovalute: fornire rendimenti guidati dall’IA e migliorare l’esperienza dell’utente attraverso l’assistenza diretta dell’IA.

Il percorso verso l’impegno normativo

Il percorso verso l’adozione mainstream è irto di sfide, soprattutto in ambito normativo. Ottenere una regolamentazione in una giurisdizione può offrire un vantaggio competitivo, ma capire come operare a livello globale in base alle normative locali rimane complesso. Oltre alla tokenizzazione di asset tradizionali, avventurarsi in aree più intricate introduce ulteriori complessità normative. I progetti che mirano a tokenizzare asset tangibili e del mondo reale devono navigare in queste acque normative, costruendo al contempo fiducia nelle loro piattaforme.

“Nel caso in cui si volesse puntare su qualcosa di un po’ più complesso dei semplici T-bill, si aggiunge un grado di complessità dal punto di vista normativo. Perché si vogliono tokenare cose reali e non necessariamente asset che stanno già scambiare da qualche parte con una struttura di custodia regolamentata. Quindi non si può usare l’infrastruttura bancaria come spina dorsale. Dovete essenzialmente ricreare un’infrastruttura che vi permetta di tokenizzare le cose in modo corretto e di far capire alle persone che possono fidarsi. Dovete quindi far capire ai vostri revisoricontabili che questo centro dati AI che state usando come garanzia sarà sicuro. Nel nostro caso, dovete fare lo stesso per i vostri mining di Bitcoin. È piuttosto complesso, per non dire altro”.

Alcuni enti normativi potrebbero rispondere vietando del tutto queste attività, allineandosi alla loro posizione contro le criptovalute. Altri potrebbero creare strutture normative o adottare un approccio sandbox, consentendo alle entità di operare con uno status provvisorio e monitorando i risultati.

“Questo metodo è stato esplorato a Singapore e in molti altri Paesi asiatici e si è dimostrato abbastanza efficace. Il contesto normativo degli Stati Uniti, invece, adotta un approccio nettamente diverso. Le entità sono lasciate libere di determinare se le loro operazioni sono classificabili come titoli, con la consapevolezza che gli organismi di regolamentazione potrebbero intervenire se ritenuto necessario. Questo terreno incerto pone sfide significative agli operatori del settore, rendendo gli Stati Uniti una giurisdizione particolarmente complessa per le operazioni spaziali RWA, a parte le regioni in cui le criptovalute sono vietate. L’Europa, invece, ha mostrato una posizione più progressista. Il panorama normativo europeo è stato notevolmente chiaro e lungimirante”.

Ad esempio, Mimo ha ricevuto una licenza per la tokenizzazione degli asset, il che indica una posizione progressista da parte dei regolatori europei. È interessante notare che le autorità di regolamentazione europee, includendo l’Autorità per i mercati finanziari (FMA) del Liechtenstein, stanno riconsiderando la loro struttura normativa per allinearsi ai nuovi regolamenti europei sulle criptovalute, che non richiedono categoricamente la regolamentazione della tokenizzazione di asset reali. Ciò potrebbe significare che le attività precedentemente sottoposte a controllo normativo potrebbero passare a non essere regolamentate – non nel senso di essere vietate, ma piuttosto di non essere specificamente monitorate dalle autorità di regolamentazione.

“La sfida principale è capire cosa succede e dove. Una volta che si è regolamentati da qualche parte, cosa si può fare esattamente? Quanto si può operare a livello globale utilizzando la normativa locale? Navigare in questo tipo di struttura è stato piuttosto impegnativo, ma questo è il nome del gioco”.

Il futuro: Innovazione e formazione

Eguienta è ottimista riguardo all’intersezione tra DeFi, RWA e AI. Sottolinea che lo sviluppo del settore della DeFi tende a essere guidato dallo slancio, concentrandosi su argomenti di tendenza e sugli interessi degli investitori piuttosto che affrontare le questioni di fondo o sfruttare il pieno potenziale della tecnologia. La forte dipendenza del settore dalle influenze del capitale di rischio, che privilegia i progetti che rispecchiano i successi esistenti con il fascino dei nuovi token di amministrazione sostenuti da importanti VC, esemplifica un ciclo di imitazione rispetto all’innovazione. Queste strategie spesso hanno bisogno dell’essenza della vera innovazione, e servono più a testimoniare gli attuali limiti del settore che le sue capacità.

Il cambiamento verso la riduzione dei costi associati allo sviluppo di nuove soluzioni DeFi potrebbe consentire un’innovazione più sostanziale. Rendere l’auditing più accessibile, semplificare il processo di sviluppo e ridurre le barriere di ingresso per gli sviluppatori, in particolare quelli dotati di strumenti di intelligenza artificiale, potrebbe creare un ecosistema più inventivo. Le complessità che le vere iniziative DeFi devono affrontare pongono notevoli barriere all’ingresso, in netto contrasto con i rapidi cicli di sviluppo tipici dell’ambiente tradizionale delle startup Web2.

“Il futuro della DeFi dipende dalla nostra capacità di innovare in modo responsabile, di educare i nostri utenti e di operare all’interno di una struttura normativa chiara. Le autorità di regolamentazione hanno fatto il loro lavoro. Ci hanno fornito strutture normative, quindi noi (come industria) non possiamo più incolparli. Le istituzioni hanno fatto il loro lavoro in molti Paesi e le banche sono disposte ad aprire conti bancari per le società di criptovalute, quindi ora possiamo affermarci come società vere e proprie. Non possiamo più incolpare questi soggetti. Ora si tratta davvero di fornire soluzioni che interessano alle persone e problemi che le persone hanno e che vogliono essere risolti”.

Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024
YouHodler YouHodler Esplorare
Wirex App Wirex App Esplorare
SunContract SunContract Esplorare
Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024
YouHodler YouHodler Esplorare
Wirex App Wirex App Esplorare
SunContract SunContract Esplorare
Top piattaforme di crypto in Italia | Luglio 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

b89964d5d1b8350ba844c260d4714556.jpg
Daria Krasnova è un'esperta redattrice con oltre otto anni di esperienza nel settore finanziario tradizionale e in quello delle criptovalute. Si occupa di diversi argomenti, includendo la finanza decentralizzata (DeFi), le reti decentralizzate di infrastrutture fisiche (DePIN) e i real world asset (RWA). Prima di entrare a far parte di BeInCrypto, ha lavorato come redattrice e redattore per importanti società finanziarie tradizionali, includendo la Borsa di Mosca, il fornitore di ETF FinEx e...
Leggi la biografia completa