Per saperne di più

Il Tribunale Federale degli Stati Uniti ha respinto l’appello per la rimozione delle sanzioni per i contanti di Tornado.

2 mins
Aggiornato da

Un tribunale federale degli Stati Uniti ha respinto il ricorso di alcuni utenti di Tornado Cash che tentavano di revocare le sanzioni sul mixer di criptovalute.

“La Corte ritiene che Tornado Cash sia un’associazione nel senso ordinario del termine e quindi un’entità che può essere designata secondo i regolamenti dell’OFAC”, si legge nel documento.

Disaccordo sulla definizione di Tornado Cash

Secondo un documento del 18 agosto, il giudice distrettuale statunitense Robert Pitman ha stabilito che le sanzioni contro il mixer di criptovalute Tornado Cash sono valide. Ha respinto la richiesta di sei utenti di revocare le sanzioni contro Tornado Cash.

Questa causa è la risposta alle autorità statunitensi che lo scorso anno hanno imposto un provvedimento severo nei confronti di Tornado Cash.

Nell’agosto del 2022, l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro statunitense ha aggiunto Tornado Cash alla sua Specially Designated Nationals and Blocked Persons (SDN) List.

In seguito a numerose accuse di coinvolgimento del mixer nel riciclaggio di denaro, l’OFAC ha applicato la sanzione. La sanzione prevede la segnalazione all’OFAC di tutte le proprietà di Tornado Cash negli Stati Uniti o di proprietà di cittadini statunitensi.

Tuttavia, i sei querelanti, che utilizzano Tornado, ritengono che ci sia confusione su cosa sia realmente Tornado Cash:

“Le parti non sono d’accordo su come caratterizzare Tornado Cash. I querelanti sostengono che Tornado Cash è un progetto software decentralizzato e open-source che comprende un sottoinsieme di contratti intelligenti, o “pool”, sulla blockchain di Ethereum.

Per saperne di più sulle alternative a Tornado Cash, leggete la guida di BeInCrypto: Le 8 migliori alternative a Tornado Cash nel 2022

I sei utenti si oppongono alla classificazione di Tornado Cash come associazione. Sostengono che la designazione esclude i suoi “singoli fondatori, sviluppatori, membri del DAO, o utenti, o altre persone coinvolte nel supporto di Tornado Cash”.

Riconoscere Tornado Cash come software autonomo piuttosto che come associazione soddisferebbe l’obiettivo dei querelanti di esentarlo dai requisiti SDN: “I suoi utenti si affidano a contratti intelligenti che sono immutabili, autonomi e autoesecutivi”, affermano i querelanti.

Essi sostengono che la decisione va oltre l’autorità del Dipartimento. Sostengono che la decisione oltrepassi la sua giurisdizione e violi la clausola della libertà di parola.

L’OFAC, d’altro canto, caratterizza Tornado Cash come “entità che gestisce un servizio di miscelazione di criptovalute”.

Sanzioni imposte a causa di accuse di riciclaggio di denaro

L’OFAC ha sanzionato Tornado Cash dopo aver affermato che ha permesso un flusso di fondi illeciti pari a 7 miliardi di dollari dal 2019.

L’OFAC ha affermato che un collettivo di hacker nordcoreano chiamato Lazarus Group ha incanalato oltre 455 milioni di dollari di fondi rubati attraverso Tornado Cash.

Anche l’attacco Horizon Bridge del 2022, che ha causato perdite per circa 100 milioni di dollari, è stato riciclato attraverso Tornado Cash.

Le sanzioni hanno comportato una notevole diminuzione dell’attività di Tornado Cash. Con l’entrata in vigore delle sanzioni, il numero di utenti mensili è diminuito del 50% da luglio 2022 ad agosto 2022.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

ciaran-lyons-avatar.png
Ciaran è un giornalista di criptovalute con sede a Sydney, in Australia. Gli piace particolarmente scrivere sugli sviluppi delle CBDC e sulle implementazioni pratiche delle criptovalute in scenari reali. È anche apparso sulle principali reti televisive in Australia, tra cui Channel Ten, Channel Nine e SBS TV. Prima della sua incursione nel mondo delle criptovalute, Ciaran ha lavorato come presentatore presso la stazione radio nazionale Triple J.
Leggi la biografia completa