Per saperne di più

SpaceX avrebbe ridotto le partecipazioni in Bitcoin di 373 milioni di dollari

2 mins
Aggiornato da

Secondo quanto riferito, SpaceX ha ridotto il valore dei suoi Bitcoin per un totale di 373 milioni di dollari e ha potenzialmente liquidato tutte le sue partecipazioni.

L’azienda guidata da Elon Musk si riprende dalle perdite annuali del 2021 e del 2021, raggiungendo, secondo quanto riferito, un leggero profitto nel primo trimestre del 2023.

I bilanci di SpaceX sollevano dubbi sulle partecipazioni in Bitcoin

Il rapporto del Wall Street Journal del 17 agosto, che ha esaminato i bilanci della società, lascia il dubbio se SpaceX abbia effettivamente venduto tutti i suoi Bitcoin:

“SpaceX ha svalutato il valore dei Bitcoin che possiede per un totale di 373 milioni di dollari l’anno scorso e nel 2021 e ha venduto la criptovaluta”.

Per saperne di più su dove acquistare Bitcoin, leggete la guida di BeInCrypto: 4 Migliori Broker di criptovalute per comprare e vendere Bitcoin nel 2023

Tuttavia, la società di contabilità Big Four Deloitte dichiara che, in genere, il trattamento contabile del Bitcoin prevede di considerarlo come un “bene immateriale a vita indefinita”. La società dichiara di contabilizzare il Bitcoin al costo e di apportare poi delle rettifiche se il prezzo diminuisce.

Se il valore del Bitcoin dovesse diminuire, l’azienda dovrà registrare una svalutazione nei propri libri contabili, definita “svalutazione”.

Bitcoin Price Chart 1 Month. Source: BeInCrypto
Grafico del prezzo del Bitcoin a 1 mese. Fonte: BeInCrypto

Dopo aver registrato una diminuzione, il valore dell’attività in bilancio non può essere “svalutato”. Questa regola si applica a qualsiasi successivo aumento o rimbalzo del prezzo del Bitcoin.

Nel quarto trimestre del 2022, Tesla, di cui anche Musk è a capo e detiene una quota significativa, ha rivisto al ribasso il valore delle sue partecipazioni in Bitcoin a causa del calo registrato dopo l’acquisto. L’azienda ha riportato 34 milioni di dollari di oneri di svalutazione, mentre le sue partecipazioni complessive sono state valutate 184 milioni di dollari.

Dal giugno 2021, Tesla ha costantemente rivelato perdite di valore in trimestri consecutivi.

Il Bitcoin non è la criptovaluta preferita da Musk

Sebbene le società di Musk possano possedere partecipazioni sostanziali in Bitcoin, egli allude spesso al Dogecoin come alla sua criptovaluta preferita.

Dogecoin Price Chart 1 Month. Source: BeInCrypto
Grafico del prezzo del Dogecoin a 1 mese. Fonte: BeInCrypto

Il 24 maggio Musk ha espresso la sua preferenza per Dogecoin come criptovaluta preferita semplicemente perché “ha il miglior umorismo e ha i cani”.

Musk ha chiarito che non intende fornire alcun consiglio finanziario:

“Non sto consigliando a nessuno di comprare criptovalute o di puntare su Dogecoin o cose del genere”.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

ciaran-lyons-avatar.png
Ciaran è un giornalista di criptovalute con sede a Sydney, in Australia. Gli piace particolarmente scrivere sugli sviluppi delle CBDC e sulle implementazioni pratiche delle criptovalute in scenari reali. È anche apparso sulle principali reti televisive in Australia, tra cui Channel Ten, Channel Nine e SBS TV. Prima della sua incursione nel mondo delle criptovalute, Ciaran ha lavorato come presentatore presso la stazione radio nazionale Triple J.
Leggi la biografia completa