Per saperne di più

Le e-mail di Satoshi Nakamoto rivelano perché il Bitcoin è limitato a 21 milioni di pezzi

3 mins
Aggiornato da Bary Rahma

In breve

  • Le e-mail di Satoshi Nakamoto emerse di recente, condivise da Martii Malmi, collaboratore dei primi Bitcoin, fanno luce sul ragionamento deliberato dietro il tetto di 21 milioni di forniture.
  • Nakamoto ha descritto la decisione come una "supposizione istruttiva", volta ad allineare il valore del Bitcoin con le valute tradizionali, garantendo al contempo la scalabilità per il commercio globale.
  • Le rivelazioni delle e-mail forniscono preziose indicazioni sui principi fondamentali di Bitcoin e sull'approccio visionario di Satoshi Nakamoto alla progettazione della principale criptovaluta.
  • promo


Venerdì sono emerse delle e-mail che si presume siano state inviate dallo pseudonimo sviluppatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto, per gentile concessione di Martii Malmi, uno dei primi collaboratori dell’asset digitale di punta. La corrispondenza aggiunge ulteriore profondità alla storia del Bitcoin, facendo luce sulle sue umili origini e sul processo decisionale di Nakamoto.

Queste e-mail sono emerse durante una battaglia legale a Londra che coinvolge lo scienziato australiano Craig Wright, che sostiene di essere Nakamoto.

Perché l’offerta di Bitcoin è limitata a 21 milioni di unità

Il piattaformadiscambio tra Nakamoto e Malmi ha rivelato che la decisione di limitare la fornitura di Bitcoin a 21 milioni di token non è stata arbitraria, ma una scelta deliberata. Nakamoto l’ha descritta come una “congettura istruita”, volta ad allineare le dinamiche di prezzo del Bitcoin con le valute consolidate, riconoscendo al contempo l’incertezza delle future condizioni di mercato.

“La mia scelta per il numero di monete e per il programma di distribuzione è stata un’ipotesi ponderata. È stata una scelta difficile, perché una volta che la rete è avviata è bloccata e siamo bloccati con essa. Volevo scegliere qualcosa che rendesse i prezzi similmente alle valute esistenti, ma senza conoscere il futuro è molto difficile”, ha detto Nakamoto.

Bitcoin supply
Offerta totale di Bitcoin. Fonte: River Learn

Inoltre, Nakamoto ha sottolineato che 21 milioni di BTC rappresentano una frazione del commercio globale, garantendo la scalabilità di un sistema valutario mondiale. Questa decisione è stata presa in previsione del fatto che la valutazione del Bitcoin potrebbe fluttuare rispetto alle valute fiat tradizionali.

“Se si immagina che venga utilizzato per una frazione del commercio mondiale, ci saranno solo 21 milioni di monete per tutto il mondo, quindi il valore per unità sarà molto più alto”. I valori sono numeri interi a 64 bit con 8 cifre decimali, quindi 1 moneta è rappresentata internamente come 100000000. C’è molta granularità se i prezzi tipici diventano piccoli. Ad esempio, se 0,001 vale 1 euro, potrebbe essere più facile cambiare la visualizzazione della virgola decimale, in modo che 1 Bitcoin venga visualizzato come 1000 e 0,001 come 1″, ha aggiunto Nakamoto.

Per saperne di più: Previsione del prezzo del Bitcoin 2024/2025/2030

Queste rivelazioni offrono preziose indicazioni sullo sviluppo iniziale del Bitcoin e sulle considerazioni che hanno dato forma ai suoi principi fondamentali.

Altre rivelazioni dalle e-mail di Satoshi

Oltre alle dinamiche di approvvigionamento, le e-mail approfondiscono vari aspetti del Bitcoin. Includono il ritratto come veicolo di investimento e le preoccupazioni riguardo al consumo di energia e all’anonimato. Nakamoto ha messo in guardia dal considerare il Bitcoin solo come un investimento, sottolineando i rischi intrinseci e invitando a giudicare individualmente.

“Non mi sento a mio agio nel dire esplicitamente ‘consideralo un investimento’. È una cosa pericolosa da dire e si dovrebbe eliminare quel punto. Va bene se i clienti giungono a questa conclusione da soli, ma non possiamo proporla come tale”, ha spiegato Nakamoto.

Inoltre, pur riconoscendo il potenziale aumento del consumo di energia con la crescita del Bitcoin, Nakamoto ha sostenuto che sarebbe comunque meno dispendioso in termini di risorse rispetto alle operazioni bancarie convenzionali.

“Se dovesse consumare molta energia, credo che sarebbe comunque meno dispendioso dell’attività bancaria convenzionale ad alta intensità di lavoro e di risorse che andrebbe a sostituire”, ha dichiarato Nakamoto.

Per saperne di più: I 7 migliori piattaformadiscambio negli USA per scambiare Bitcoin (BTC)

Bitcoin electricity usage
Utilizzo di elettricità per il Bitcoin nel 2023. Fonte: SPGlobal

Per quanto riguarda l’anonimato, Nakamoto ha messo in guardia dal sopravvalutare le caratteristiche di privacy del Bitcoin, avvertendo che le cronologie delle transazioni potrebbero potenzialmente rivelare l’identità degli utenti. Il creatore pseudonimo di BTC ha detto: “Anonimo suona un po’ losco”. Inoltre, le e-mail hanno rivelato che Nakamoto non ha coniato il termine “criptovaluta”.

“Qualcuno ha inventato la parola ‘criptovaluta’. […] Forse è una parola che dovremmo usare per descrivere il Bitcoin, ti piace?”, ha chiesto Nakamoto.

Top piattaforme di crypto in Italia | Aprile 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

5462d8675ac6f9a9c7b884a579a6a09f?s=120&d=wp_user_avatar&r=g
Oluwapelumi Adejumo
Oluwapelumi ritiene che il Bitcoin e la tecnologia blockchain abbiano il potenziale per cambiare il mondo in meglio. È un avido lettore e ha iniziato a scrivere di criptovalute nel 2020.
Leggi la biografia completa