Per saperne di più

Recur diventa l’ultima azienda di NFT ad abbandonare il mercato

2 mins
Aggiornato da

Il marketplace di token non fungibili (NFT) Recur sarà presto deprecato dopo un prolungato crollo del mercato che ha costretto altre aziende a rafforzare il proprio business attraverso gli sforzi della comunità. A partire dal 9 novembre, la piattaforma non accetterà più depositi di NFT e invierà tutti i media e i metadati rimanenti alla rete Filecoin.

I clienti dovranno ritirare gli NFT e ricaricare i saldi in portafogli autocustoditi entro il 16 novembre. Dopo tale data, non saranno più disponibili sul mercato Recur.

Il crollo del mercato degli NFT colpisce RECUR e il mercato di Nifty in rapida successione

Con un valore di 333 milioni di dollari nel 2021, Recur ha cavalcato l’ultimo mercato in crescita che ha visto gli NFT attirare l’attenzione del grande pubblico. Digital, una società di investimento sostenuta dal family office del magnate degli hedge fund Steve Cohen, ha guidato il round di finanziamento della Serie A di Recur con un investimento di 50 milioni di dollari.

Dopo aver puntato sugli articoli da collezione degli sport universitari, la società ha stretto una partnership con ViacomCBS per offrire NFT di CBS, MTV, Showtime, Paramount Pictures, BET, Nickelodeon e Comedy Central. Il suo mercato offre NFT indipendenti dalla catena in cambio di criptovalute e carte di pagamento tradizionali.

Che cos’è esattamente un NFT? Leggete qui la nostra guida.

All’inizio del mese, il portale di creatori Web3 Nifty’s ha confermato la sua imminente chiusura. Sostenuta dal miliardario Mark Cuban e da Joseph Lubin di ConsenSys, l’azienda ha raccolto 10 milioni di dollari di finanziamenti per l’avvio.

Inizialmente offriva NFT da Space Jam, un film del 1996 della Warner Bros, e successivamente ha ampliato l’offerta includendo proprietà intellettuali da Matrix e Game of Thrones. In seguito al dileggio diffuso, l’azienda si è orientata verso una piattaforma di creazione di contenuti Web3.

Il mercato orso costringe le aziende a ripensare la comunità

Il mercato degli NFT è crollato rispetto ai giorni più belli del 2021. All’epoca, i singoli pezzi potevano essere acquistati per somme multimilionarie.

Tuttavia, la realtà dei tassi di interesse elevati negli Stati Uniti e il mercato ribassista causato dai crolli delle principali società di criptovalute hanno ridotto il valore di alcune collezioni. Nonostante i prezzi multimilionari del 2021, i singoli NFT del Bored Ape Yacht Club sono ora venduti a meno di 50.000 dollari.

NFT marketplace RECUR shuts down as businesses feeling the brunt of an 80% decline in sales turn to community initiatives.
Il volume delle vendite è diminuito di quasi l’80% dal picco del mercato toro | Fonte: CryptoSlam

A lungo termine, le imprese di NFT stanno creando utilità nel mondo reale e rafforzando le comunità per rimanere a galla. Doodles, l’azienda dietro l’omonima collezione di NFT, ha recentemente lanciato un’esperienza pop-up con l’azienda familiare Camp.

Yuga Labs, l’azienda dietro il Bored Ape Yacht Club, ha recentemente presentato un nuovo distintivo “Made for Apes” che i proprietari di NFT possono utilizzare per commercializzare la loro proprietà intellettuale. Inoltre, nel corso dell’anno, organizzerà l’ApeFest, un raduno fisico della comunità a Tokyo.

Avete qualcosa da dire sulla chiusura del mercato Recur NFT, sull’espansione della comunità NFT o su qualsiasi altra cosa? Scriveteci o partecipate alla discussione sul nostro canale Telegram. Potete trovarci anche su TikTok, Facebook o X (Twitter).

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

david-thomas.jpg
David Thomas si è laureato con lode in ingegneria elettronica presso l'Università di Kwa-Zulu Natal a Durban, in Sudafrica. Ha lavorato come ingegnere per otto anni, sviluppando software per i processi industriali presso lo specialista sudafricano dell'automazione Autotronix (Pty) Ltd., sistemi di controllo minerario per AngloGold Ashanti e prodotti di consumo presso Inhep Digital Security, una società di sicurezza nazionale interamente di proprietà del conglomerato svedese Assa Abloy. Ha...
Leggi la biografia completa