Per saperne di più

I costi delle case in Portogallo aumentano con l’arrivo della criptovaluta

6 mins
Aggiornato da

A chi non piacerebbe sedersi in spiaggia, mangiare Bacalhau à Brás e bere un bicchiere del famoso Vinho Verde portoghese mentre si timbra il cartellino in una società di criptovalute con sede alle Isole Cayman? Se questo vi sembra il vostro caso, non siete gli unici ad avere la stessa idea.

Negli ultimi due anni, il Portogallo è diventato un paradiso per gli investitori in Bitcoin e altre criptovalute. Innanzitutto, il Paese ha uno dei climi più soleggiati d’Europa e una buona reputazione per il cibo e le bevande locali. Ma la cosa forse più importante è che fino a quest’anno il Paese mediterraneo non applicava alcuna tassa sulle valute digitali.

Fino a poco tempo fa, il Portogallo era un paradiso fiscale per le criptovalute

Nel 2016, l’autorità fiscale portoghese ha emanato una legge in cui si affermava che le criptovalute, in quanto non valute, non hanno corso legale in Portogallo e, di conseguenza, dovrebbero essere esenti da imposte. Da quest’anno le regole sono cambiate, ma non sembra che questo possa fermare la festa.

Inoltre, il Paese dispone di un visto per i cosiddetti “nomadi digitali” per coloro che hanno un senso di vagabondaggio, come molti del settore. A partire dal 30 ottobre 2022, il programma Portugal Digital Nomad Visa consente ai lavoratori a distanza di vivere e lavorare in Portogallo, sia su base temporanea che a lungo termine.

A photo of Praia do Forte Novo west of the town of Quarteira, Algarve, Portugal.
Francamente, chi non vorrebbe vivere qui? Fonte: Ricardo Liberato

Per essere idonei, i richiedenti devono guadagnare almeno quattro volte il salario minimo nazionale, circa 3.350 dollari (3.040 euro) al mese. Dopo cinque anni è possibile ottenere la residenza permanente o addirittura la cittadinanza. Inoltre, i titolari possono viaggiare liberamente all’interno dell’area Schengen senza controlli alle frontiere.

Questi innegabili vantaggi hanno portato molti operatori del settore ad affollare le sue strade e le sue spiagge assolate. Ma non si tratta di un fenomeno a breve termine. Secondo l’Istituto nazionale di statistica portoghese, la popolazione nata all’estero è aumentata del 40% tra il 2011 e il 2021.

La domanda di case da parte degli stranieri sta facendo scappare gli abitanti del luogo

Ma la corsa alla bella vita sulla costa mediterranea ha i suoi lati negativi. Gli immobili in affitto (il settore preferito dai nomadi digitali) hanno subito un aumento vertiginoso del 31,6% dal luglio 2022.

Secondo uno studio di Imovirtual, l’affitto di una casa è più costoso del 91% rispetto alle aspettative degli affittuari e l’acquisto del 72%. Le statistiche illustrano una triste realtà: anche se il Portogallo ha trovato il suo posto al sole, semplicemente non ci sono abbastanza case per tutti a un prezzo ragionevole.

Salari medi mensili in Portogallo. Fonte: take-profit.org

Il problema è aggravato dai guadagni relativamente bassi del Portogallo. Il salario minimo del Paese è di soli 887 euro al mese. Il salario medio è di poco superiore, pari a 1025 euro al mese.

Se si confronta con la Finlandia, anch’essa nell’UE, il cui salario medio mensile è di 3.818 euro, il Portogallo, nonostante si trovi all’estremità occidentale dell’Europa (storicamente la sua metà più ricca), si colloca a metà della classifica dei redditi dell’UE.

Tuttavia, molti si affannano a difendere il visto per i nomadi digitali portoghesi, sostenendo che l’arrivo dei lavoratori a distanza non spiega i costi degli alloggi che fanno rabbrividire. Alcuni sostengono che gli edifici vuoti, inutilizzati o fatiscenti siano un problema molto più urgente. Ad aprile, infatti, il governo portoghese ha approvato una politica di affitti forzati per le proprietà che sono rimaste vuote per almeno due anni senza alcun segno di pagamento delle utenze, con l’obiettivo di risolvere la crisi degli alloggi.

Secondo gli standard internazionali, le case portoghesi sono tra le più vuote al mondo. Nel dicembre 2022, il 12,1% delle case in Portogallo era sfitto. Un numero che si è a malapena spostato rispetto al 12,5% registrato nel 2011. Questo dato sale al 15% nella capitale, Lisbona.

Il Portogallo è generalmente positivo per le imprese di criptovalute

Ma nonostante gli alti costi degli alloggi e le recenti modifiche fiscali, che di fatto pongono fine al regno del Paese come paradiso fiscale per le criptovalute, è probabile che il Paese continui ad attirare visitatori.

Mercado Bitcoin Portugal, precedentemente noto come Criptoloja, è stata la prima società a ricevere una licenza per operare come broker di criptovalute in Portogallo, nonché il primo exchange di criptovalute del Paese.

Pedro Borges, amministratore delegato della società, ha dichiarato a BeInCrypto che il governo portoghese ha continuato ad adottare un approccio aperto durante e dopo i cambiamenti. L’atteggiamento generale del governo è stato generalmente positivo, ha detto.

Tuttavia, questo non significa che non ci siano ancora problemi. Per le aziende come Mercado Bitcoin, la diligenza e la velocità del Paese hanno i loro lati negativi.

“La regolamentazione non è progredita con la stessa rapidità in altri Paesi, il che ci costringe ad affrontare una concorrenza sleale perché vediamo piattaforme – non regolamentate – che offrono una varietà di servizi, tra cui prodotti finanziari derivati sulle criptovalute, conti a margine e la creazione di nuovi token. Tutto questo viene fatto senza rispettare le regole che siamo obbligati a seguire.

Questo ci mette in diretta concorrenza con chi non è in regola e può offrire i propri servizi qui in Portogallo. Questa è la sfida principale! In altre parole, abbiamo una solida regolamentazione, ma siamo in concorrenza in un mercato aperto con chi non rispetta le stesse regole”.

Altri che hanno parlato con BeInCrypto sono d’accordo. Secondo Tim Haldorsson, originario della Svezia e trasferitosi in Portogallo quattro anni e mezzo fa per gestire la sua agenzia di marketing Web3, Lunar Strategy, il suo nuovo Paese d’adozione è stato molto più accogliente di quello d’origine.

Haldorsson ha dichiarato di essersi trasferito inizialmente per la “combinazione di essere nel cuore della criptovaluta e del Web3 a Lisbona, oltre che per l’ottimo clima”. Tuttavia, è stata la vivace comunità Web3 – conferenze, incontri ed eventi di crittografia – a farlo rimanere.

Surf, sole e qualità della vita

Joe Hall, Bitcoiner, giornalista e creatore di contenuti per Cointelegraph, che si è stabilito in Portogallo nel 2020, racconta a BeInCrypto di conoscere molti operatori del settore che si sono trasferiti nel Paese negli ultimi anni. In effetti, riceve “un DM ogni settimana” da qualcuno che gli chiede di trasferirsi.

An evening shot of the Lisbon skyline.
Lisbona è diventata un alveare di attività crittografiche negli ultimi anni. Fonte: Deensel

Hall, che ha vissuto in oltre 13 Paesi diversi, ha dichiarato a BeInCrypto di aver trovato il Portogallo molto più favorevole ai Bitcoin rispetto al Regno Unito o alla Francia, ad esempio. Tuttavia, ciò è dovuto in gran parte al fatto che le autorità di regolamentazione non sono sicure di come regolamentare il settore.

Parte dell’attrazione, ha detto Hall, è stata la qualità della vita, la possibilità di navigare (ogni giorno) e la fiorente comunità di Bitcoiners. Il visto per nomadi digitali era solo la ciliegina sulla torta: “Spesso scherzo sul fatto che il Portogallo è il luogo in cui i nomadi digitali vengono a morire”, ha detto.

Tuttavia, anche lui ha trovato frustranti alcuni aspetti dell’afflusso di criptovalute nel Paese.

“Amo il Portogallo, la sua gente e il suo approccio rilassato alla vita, ma se state pensando di trasferirvi qui, per favore lasciate a casa i vostri shitcoin. Durante l’ultima corsa dei tori, tutti e il loro cane stavano vendendo la loro pacchiana collezione di NFT e i loro letterali shitcoin, mentre i meetup di criptovalute erano disseminati nelle strade principali di Lisbona. A questo dico: “Não obrigado”, che significa “no grazie”.

Tuttavia, per ogni appassionato Bitcoiner o cripto-appassionato, c’è spesso una famiglia o una persona che fatica a trovare un posto dove vivere. Nel solo mese di luglio 2023, il costo degli affitti è aumentato del 3,8%, secondo l’indice dei prezzi idealista, indicando che i prezzi non riescono a rallentare.

Se le cose continuano così, il Portogallo potrebbe rivedere a breve i suoi generosi programmi di visti.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

6983c0cc6ae52f7eb1b493c85cde1016.png
Josh è un giornalista di BeInCrypto. Ha lavorato per la prima volta come giornalista oltre dieci anni fa, occupandosi inizialmente di musica prima di passare alla politica e all'attualità. Josh ha posseduto per la prima volta Bitcoin nel 2014 e da allora segue il settore. È particolarmente interessato all'adozione del Web3, alla politica e alla regolamentazione, ai CBDC, alla privacy e al futuro del metaverso.
Leggi la biografia completa