Per saperne di più

Banchiere della Nuova Zelanda: Bitcoin, stablecoin non possono sostituire il denaro delle banche centrali

2 mins
Aggiornato da Kyle Baird

In breve

  • Il governatore della Banca centrale della Nuova Zelanda Orr critica le stablecoin come "grandi errori di denominazione", sottolineando la loro instabilità rispetto alla moneta a corso fisso.
  • Orr sottolinea i limiti del Bitcoin, affermando che non può servire come mezzo di piattaformadiscambio, riserva di valore o unità di conto come il denaro delle banche centrali.
  • Gli Stati Uniti si avvicinano alla regolamentazione delle stablecoin, con la deputata Waters che indica che un accordo è "molto, molto vicino", con l'obiettivo di raggiungere la parità con le banche tradizionali.
  • promo


Il governatore della Banca Centrale della Nuova Zelanda, Adrian Orr, ha espresso una voce critica sulla fattibilità delle criptovalute, in particolare delle stablecoin e del Bitcoin, come sostituto del tradizionale denaro fiat.

Il commento incisivo di Orr fa luce sui rischi e le incertezze inerenti a questi asset digitali.

Il punto di vista di Orr sull’errata denominazione di Bitcoin e Stablecoin Stability

Gli stablecoin, che sono token di criptovaluta ancorati al valore di un asset stabile, come la valuta fiat, sono spesso pubblicizzati per il loro potenziale di offrire stabilità nel volatile mercato delle criptovalute.

Tuttavia, Orr sottolinea che questa stabilità è illusoria, radicata più nella percezione che nella realtà finanziaria. Ha osservato che,

“Le stablecoin sono i più grandi equivoci e ossimori. Sono valide solo quanto il bilancio della persona che offre la stablecoin”.

Questa affermazione sottolinea la precarietà di affidarsi a un asset la cui stabilità è fluttuante quanto le entità che lo sostengono.

Per saperne di più: Guida alle migliori stablecoin del 2024

Orr ha anche espresso profonde preoccupazioni riguardo al ruolo delle criptovalute nel più ampio ecosistema finanziario. Ha messo in dubbio la loro capacità di svolgere i ruoli chiave del denaro. Tra questi vi sono il mezzo di piattaformadiscambio, la riserva di valore e l’unità di conto.

Orr è fermamente convinto che il Bitcoin e le altre criptovalute non siano all’altezza di questi aspetti. Ha dichiarato che,

“Il Bitcoin non è un mezzo di piattaformadiscambio, una riserva di valore o un’unità di conto, eppure la gente cerca di usarlo come tale”.

Questo scetticismo si estende al potenziale di queste valute digitali di indebolire il sistema finanziario globale, una preoccupazione condivisa da molte banche centrali di tutto il mondo.

Nonostante questi timori, la capitalizzazione totale del mercato delle stablecoin è attualmente ai massimi di un anno, sopra i 137 miliardi di dollari.

Stablecoin total market cap. Source: DeFiLlama
Cap totale di mercato delle stablecoin. Fonte: DeFiLlama

Il clima delle stablecoin negli Stati Uniti

Nel frattempo, negli Stati Uniti, le normative sulle stablecoin sembrano avvicinarsi a un cambiamento significativo. La deputata Maxine Waters ha dichiarato che la regolamentazione delle stablecoin è in fase di completamento.

Questo movimento verso la regolamentazione riflette la crescente necessità di sorveglianza in un settore caratterizzato da una rapida espansione e innovazione.

Per saperne di più: Cos’è una stablecoin? Guida per principianti

L’imminente regolamentazione dovrebbe fornire la chiarezza e la sicurezza tanto necessarie sia per i consumatori che per le istituzioni finanziarie, livellando il campo di gioco tra le banche tradizionali e il settore delle criptovalute.

Mentre il dibattito sul ruolo e la regolamentazione delle criptovalute continua, le intuizioni di Orr offrono un promemoria rassicurante delle sfide e delle complessità insite nell’integrazione di queste nuove forme di denaro nel sistema finanziario consolidato.

La sua esperienza e la sua posizione cautelativa forniscono una prospettiva preziosa nella conversazione in corso sul futuro della finanza in un mondo digitale.

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

fe15b72da07ec62f99f310830f75499d?s=120&d=wp_user_avatar&r=g
Kyle è emigrato dalla costa orientale degli Stati Uniti al Sud-Est asiatico dopo essersi laureato nel 2010 presso l'Università East Stroudsburg della Pennsylvania. Seguendo le orme del nonno, Kyle ha iniziato ad acquistare azioni e metalli preziosi durante l'adolescenza. Questo ha scatenato il suo interesse per la conoscenza e la scrittura delle criptovalute. Ha iniziato come copywriter per Bitcoinist nel 2016 prima di assumere il ruolo di redattore presso BeInCrypto all'inizio del 2018.
Leggi la biografia completa