Per saperne di più

Mastercard invita le società di criptovaluta ad aderire al programma per partner CBDC

2 mins
Aggiornato da

Il gigante del credito Mastercard vuole collaborare con aziende di blockchain e criptovalute nel suo programma di valuta digitale della banca centrale (CBDC). L’azienda ha sottolineato i vantaggi della moneta programmabile controllata dallo Stato e vuole espandere il suo programma di partner.

In un post sul blog del 17 agosto intitolato “Is safe the new sexy? CBDCs, trust and the evolution of money”, Mastercard ha invitato alla collaborazione con le criptovalute.

Mastercard punta molto sulle valute digitali delle banche centrali

L’azienda ha osservato che le CBDC stanno guadagnando slancio, riferendo che il 93% delle banche centrali è impegnato in attività di CBDC, con quattro già in circolazione.

Tuttavia, l’azienda ha dichiarato che rimangono ancora delle questioni chiave riguardanti i ruoli dei CBDC, la sicurezza, la privacy e l’integrazione con i sistemi esistenti.

Mastercard ha lanciato il suo CBDC Partner Program per promuovere la collaborazione sulla moneta basata sulla blockchain. I partner iniziali sono Ripple, ConsenSys, Fluency, Idemia, Consult Hyperion, Giesecke+Devrient e Fireblocks.

Inoltre, il gigante del credito vuole che altre società di criptovalute diventino partner dell’iniziativa. La nota indica che i partner stanno attivamente definendo i requisiti del CBDC, garantendo la privacy, consentendo l’uso offline e costruendo l’interoperabilità.

“Mastercard sta convocando un gruppo di fornitori leader di tecnologia blockchain e di servizi di pagamento per unirsi al suo nuovo programma di partner CBDC”.

Mastercard’s global efforts. Source: MasterCard
Gli sforzi di Mastercard per il CBDC. Fonte: Mastercard

Inoltre, Jesse McWaters, che guida la regulatory advocacy globale di Mastercard, ha affermato che i CBDC non dovrebbero essere adottati nel vuoto.

“Il lavoro del Mastercard CBDC Partner Program aiuterà le banche centrali a capire come sviluppare un CBDC che aggiunga qualcosa di nuovo e prezioso all’economia”, ha aggiunto.

Varun Paul di Fireblocks ha avvertito che l’esitazione potrebbe essere aumentata sulla scia del “crypto winter” dello scorso anno. Numerosi scandali hanno minacciato la fiducia di cui l’ecosistema digitale ha bisogno per evolversi e prosperare, ha aggiunto.

“I recenti crolli di alto profilo rafforzano in realtà la tesi delle CBDC, che sono pienamente sostenute da una banca centrale e dal governo”.

Prospettive delle CBDC

Secondo il tracker CBDC del Consiglio Atlantico, 130 Paesi, che rappresentano il 98% del PIL mondiale, stanno studiando un CBDC.

Inoltre, undici Paesi hanno lanciato un CBDC, tutti nei Caraibi, a parte la Nigeria. Inoltre, sono 21 i Paesi che stanno attualmente pilotando un CBDC, e la maggior parte di essi si trova in Medio Oriente e in Asia.

Tuttavia, poiché le preoccupazioni per la privacy e il controllo statale sulla libertà finanziaria aumentano, non tutti sono convinti che i CBDC siano una soluzione praticabile.

All’inizio di quest’anno, il deputato statunitense Tom Emmer ha presentato la legge anti-sorveglianza sui CBDC. Il disegno di legge mira a “fermare gli sforzi dei burocrati non eletti di Washington di privare gli americani del loro diritto alla privacy finanziaria”.

A luglio, il rappresentante repubblicano Warren Davidson ha chiesto di fermare lo sviluppo dei CBDC, sostenendo che “il denaro non dovrebbe essere programmabile da un’autorità centrale”.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

profile.jpg
Martin Young è un giornalista ed editore esperto di criptovalute con oltre 7 anni di esperienza nel coprire le ultime notizie e tendenze nello spazio degli asset digitali. È appassionato di rendere comprensibili al pubblico mainstream concetti complessi di blockchain, fintech e macroeconomia.   Martin è apparso nelle principali pubblicazioni di finanza, tecnologia e criptovalute, tra cui BeInCrypto, CoinTelegraph, NewsBTC, FX Empire e Asia Times. I suoi articoli forniscono un'analisi...
Leggi la biografia completa