Per saperne di più

Scoperto in Thailandia un elaborato schema di frode in criptovalute; arrestato un cittadino cinese

2 mins
Aggiornato da

Dopo una vasta operazione di sting in Thailandia, le autorità hanno arrestato una donna d’affari cinese per il presunto coinvolgimento in una vasta truffa di criptovalute. Secondo quanto riportato dal Bangkok Post, sono state necessarie incursioni in 29 località per portare alla luce la frode sugli investimenti.

La polizia ha arrestato la cinese Fengpei Cai con l’accusa di riciclaggio di denaro e frode.

Un’elaborata frode di criptovaluta viene alla luce in Thailandia

Il capo del Cyber Crime Investigation Bureau (CCIB), Pol Lt Gen Worawat Watnakhonbancha, ha dichiarato al giornale che si tratta di una truffa elaborata.

Le autorità sostengono che Cai abbia partecipato a crimini transnazionali, commesso frodi informatiche e riciclato denaro.

Durante l’operazione, la polizia ha sequestrato beni da diversi siti collegati a Cai. Il rapporto rivela che tra gli oggetti confiscati c’erano Rolls-Royce e altri veicoli di lusso come Alphard e Mercedes-Benz, e contratti di leasing per un valore di milioni di dollari.

La polizia avrebbe sequestrato 100 oggetti in totale.

Secondo il comandante della Divisione 3 della CCIB, Pol Maj Gen Sathit Prom-uthai, Cai operava principalmente come agente immobiliare, rivolgendosi soprattutto alla clientela cinese. L’ufficiale ha spiegato che Cai, insieme ad altri cospiratori, avrebbe ingannato persone per indurle a investire in falsi progetti di criptovaluta.

Per saperne di più sulle più comuni truffe di criptovalute e su come evitarle: 15 truffe di criptovalute più comuni a cui prestare attenzione

Giro di vite da parte delle autorità di regolamentazione thailandesi

Anche Moe Moe Aye, 24 anni, cittadino del Myanmar, è stato arrestato per concorso in frode, riciclaggio di denaro e reati connessi alla truffa delle criptovalute. La polizia avrebbe confiscato ad Aye denaro contante, diversi libretti bancari e carte bancomat. In particolare, si ritiene che il suo coinvolgimento sia legato a un giro di frodi telefoniche. I truffatori si travestivano da funzionari di polizia di alto livello per sottrarre denaro alle vittime.

I controlli preliminari sulle attività finanziarie di Aye hanno rivelato che nel 2023 aveva fatto transitare sui suoi conti milioni in valuta nazionale.

Le recenti misure normative in Thailandia sottolineano un approccio cauto nei confronti delle criptovalute. La Securities and Exchange Commission (SEC) del Paese ha intensificato gli sforzi per garantire la protezione degli investitori. Di recente, gli organi di vigilanza del Paese hanno imposto a tutte le piattaforme di trading di criptovalute di fornire informazioni sui rischi a causa della volatilità intrinseca degli investimenti in criptovalute.

Il mese scorso, la SEC thailandese ha vietato i servizi di prestito di criptovalute.

Le autorità di regolamentazione thailandesi hanno iniziato a stringere la morsa l’anno scorso. Nel 2022 si è registrato un notevole calo dei conti attivi di trading di criptovalute a seguito delle azioni rigorose della SEC. La SEC ha emanato direttive chiare contro le pubblicità ingannevoli di criptovalute, sottolineando le informazioni accurate e gli avvertimenti obbligatori sui rischi degli investimenti in criptovalute.

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

wpua-150x150.png
Shraddha è una giornalista indiana che si è occupata di notizie economiche e finanziarie prima di tuffarsi nel settore delle criptovalute. Appassionata di investimenti, ha anche un forte interesse a capire le criptovalute dal punto di vista della finanza personale.
Leggi la biografia completa