Per saperne di più

L’Honduras vieta lo scambiare criptovalute

2 mins
Aggiornato da Bary Rahma

In breve

  • La CNBS dell'Honduras ha implementato il divieto di scambiare criptovalute per le istituzioni finanziarie sotto la sua giurisdizione.
  • La CNBS ha spiegato che il divieto è necessario per mantenere un controllo rigoroso sull'integrità del sistema finanziario del Paese.
  • Questa mossa contrasta con il crescente interesse istituzionale a livello globale, esemplificato dal lancio di ETF su Bitcoin negli Stati Uniti.
  • promo


Mentre diversi Paesi del mondo stanno aprendo le loro frontiere allo scambiare criptovalute, le autorità di regolamentazione dell’Honduras hanno compiuto un passo decisivo per frenare queste attività all’interno della propria giurisdizione.

La Commissione nazionale per le banche e i titoli (CNBS) dell’Honduras ha emesso un divieto che proibisce alle istituzioni finanziarie del Paese di fare trading di criptovalute o di detenere asset digitali.

Perché l’Honduras ha vietato lo scambio di criptovalute

Il panorama normativo dell’Honduras è attualmente privo di disposizioni specifiche per gli asset crittografici. Questa assenza comporta dei rischi per gli utenti, lasciandoli vulnerabili a frodi, insidie operative e incertezze legali. Inoltre, cresce la preoccupazione che questi asset possano essere sfruttati per attività illecite come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

La CNBS ha inoltre espresso preoccupazione per la natura decentralizzata di molte attività legate alle criptovalute che operano nel Paese, spesso registrate in giurisdizioni esterne all’Honduras. Questa decentralizzazione pone delle sfide alla supervisione normativa, consentendo potenzialmente attività non controllate.

“Nella legislazione honduregna non esiste una regolamentazione specifica sulle criptovalute, sulle valute virtuali o su qualsiasi servizio finanziario basato sulla tecnologia blockchain, per cui i consumatori finanziari di questi asset virtuali sono esposti a rischi di frode, operativi e legali dovuti al loro utilizzo, includendo il fatto che la loro accettazione potrebbe cessare in qualsiasi momento, dal momento che le persone non sono legalmente obbligate a effettuare transazioni o a riconoscerle come mezzo di pagamento”, ha dichiarato il regolatore.

Di conseguenza, la direttiva della CNBS vieta esplicitamente alle entità finanziarie con sede in Honduras di associarsi a cripto asset, valute virtuali, token o attività digitali similmente non autorizzate dalla Banca Centrale dell’Honduras. La CNBS ha sottolineato la necessità di mantenere uno stretto controllo sulle attività finanziarie per salvaguardare l’integrità del settore finanziario del Paese.

Per saperne di più: Criptovalute e banche: Qual è la scelta più intelligente?

Il divieto dell’Honduras sulle criptovalute arriva in un momento in cui l’interesse istituzionale per il settore è in piena espansione, dopo il lancio di diversi fondi negoziati in borsa (ETF) sul Bitcoin negli Stati Uniti.

Secondo Eric Balchunas, analista di Bloomberg, diversi gruppi bancari statunitensi hanno sollecitato la Securities and Exchange Commission (SEC) a rivalutare una regola che rendeva costoso per loro fornire servizi di custodia per questi ETF.

“Le banche statunitensi, escluse dai ruoli chiave degli ETF Bitcoin, stanno spingendo la SEC a modificare le linee guida sulla custodia degli asset digitali. Una coalizione di gp bancari ha inviato una lettera alla SEC chiedendo di escludere gli ETF dall’ampio ombrello delle criptovalute. Vogliono una parte dell’azione. Non li biasimo, non è giusto”, ha detto Balchunas.

Institutional Bitcoin holding
Numero totale di Bitcoin detenuti dai fondi. Fonte: ByteTree

Nel frattempo, Matt Hougan, Chief Investment Officer di Bitwise, ha sottolineato che questa richiesta riflette il modo in cui gli ETF Bitcoin hanno cambiato il “tono della regolamentazione delle criptovalute a Washington”.

Idati di ByteTree mostrano che i veicoli di investimento che detengono Bitcoin hanno ora più di 955.000 BTC, per un valore stimato di quasi 50 miliardi di dollari. Oltre agli Stati Uniti, altre giurisdizioni come Hong Kong stanno aprendo la loro regione per consentire alle attività di scambio di criptovalute di prosperare.

Top piattaforme di crypto in Italia | Maggio 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

oluwapelumi-adejumo.png
Oluwapelumi Adejumo
Oluwapelumi crede che Bitcoin e la tecnologia blockchain abbiano il potenziale per cambiare il mondo in meglio. È un avido lettore e ha iniziato a scrivere di criptovalute nel 2020.
Leggi la biografia completa