Per saperne di più

CoinDesk ritira due articoli in mezzo a pesanti critiche

3 mins
Aggiornato da

CoinDesk, uno dei più importanti siti web di notizie su cripto e blockchain, ha pubblicamente ritrattato un articolo e ha affrontato accuse di scarse pratiche giornalistiche per la ritrattazione di un altro.

L’articolo ritrattato il 23 agosto riguarda il fondatore di TRON Justin Sun. Secondo il post di venerdì che spiega la ritrattazione, la pubblicazione raramente emette ritrattazioni, preferendo correggere le imprecisioni in silenzio e affrontare i problemi internamente. Tuttavia, ha deciso di non avere altra scelta se non quella di ritrattare un articolo di opinione che criticava personalmente Justin Sun, fondatore e CEO di TRON.

L’articolo utilizzava uno pseudonimo

L’articolo originale, ancora disponibile tramite la Wayback Machine, criticava pesantemente Sun, paragonandolo agli imprenditori di criptovalute in disgrazia Do Kwon e Sam Bankman-Fried. L’autore scriveva che se l’impero di Sun dovesse crollare, potrebbe “causare una carneficina che va ben al di là di quanto uno di loro possa anche solo immaginare”.

Nella sua ritrattazione, CoinDesk ha spiegato che di tanto in tanto ammette fonti senza nome e articoli occasionalmente pseudonimi. Tuttavia, si oppone agli attacchi personali che si nascondono dietro nomi falsi.

CoinDesk afferma di rispettare la privacy, ma ritiene che i personaggi pubblici abbiano il diritto di conoscere i loro accusatori. La natura dell’articolo del Sun non permetteva di correggerlo. CoinDesk lo ha quindi interamente ritrattato. Ha spiegato:

“Qualsiasi persona, che sia l’amministratore delegato di una grande blockchain o una persona sconosciuta agli occhi del pubblico, ha il diritto di sapere chi sta attaccando la sua persona su un giornale pubblico come CoinDesk. Dato che la natura stessa del pezzo viola questo standard – non permettendoci di correggere semplicemente la storia e farla finita – stiamo rimuovendo la storia nella sua interezza”.

CoinDesk gestisce uno dei maggiori eventi del settore, Consensus. Fonte: Jim Stone/Shutterstock/CoinDesk

CoinDesk accusato di essere influenzato dal portafoglio del suo proprietario

CoinDesk ha usato una giustificazione simile per ritirare un altro articolo di opinione, anch’esso scritto da uno pseudonimo. L’articolo originale riguardava Chainalysis e la rivelazione che la sua responsabile delle indagini, Elizabeth Bisbee, aveva ammesso di non avere alcuna prova scientifica dell’accuratezza del software.

Chainalysis è un fornitore leader di strumenti di analisi blockchain e fornisce servizi sia ad aziende private che ad agenzie governative.

BeInCrypto ha visto le copie originali della testimonianza in cui Bisbee ammette di non avere prove oggettive del funzionamento del suo software. (I pubblici ministeri stanno cercando di ammettere le prove di Chainalysis in una battaglia giudiziaria. Ma, a meno che non si possa dimostrare che i dati e le scoperte di Chainalysis sono solidi, nessun tribunale ne permetterà l’ammissione).

Scoprite cosa ha in serbo il resto dell’anno con la nostra lista dei migliori eventi crittografici: I migliori eventi crittografici del 2023

L’articolo originale che evidenziava la testimonianza di Bisbee è stato ritirato il 24 luglio. Tuttavia, l’autore ha scoperto la ritrattazione solo oggi, 28 agosto.

Su X (ex Twitter), l’autrice ha accusato la società di media di scarse pratiche giornalistiche, sottolineando il sostanziale investimento della sua società madre, Digital Currency Group (DCG), in Chainalysis. CoinDesk non l’ha informata della ritrattazione.

In un’e-mail a BeInCrypto, ha dichiarato che:

“A mio parere l’articolo è stato rimosso a causa della holding di CoinDesk, Digital Currency Group, che ha un investimento in Chainalysis Inc. – cosa che non è stata comunicata nella ritrattazione”.

CoinDesk ha recentemente licenziato il 45% del suo staff

L’autrice ha anche contestato l’accusa che il suo articolo fosse un “attacco personale”. Sostiene che si trattava di un resoconto fattuale. E sostiene anche quanto riportato nell’articolo originale.

Secondo Bloomberg, il Digital Currency Group è attualmente in procinto di vendere CoinDesk a un gruppo di investitori. Il sito di media ha licenziato circa il 45% del personale in vista della vendita all’inizio del mese.

DCG è stata duramente colpita dal cosiddetto inverno delle criptovalute che ha colpito nel 2022. Stranamente, sono state alcune delle lodevoli relazioni di CoinDesk a far crollare FTX, una borsa di criptovalute. Il crollo di FTX ha contribuito ad approfondire il malessere del settore.

In un messaggio a BeInCrypto, CoinDesk ha dichiarato che DCG non ha influenzato le sue relazioni. Questo è chiaramente indicato nella sua politica etica.

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

6983c0cc6ae52f7eb1b493c85cde1016.png
Josh è un giornalista di BeInCrypto. Ha lavorato per la prima volta come giornalista oltre dieci anni fa, occupandosi inizialmente di musica prima di passare alla politica e all'attualità. Josh ha posseduto per la prima volta Bitcoin nel 2014 e da allora segue il settore. È particolarmente interessato all'adozione del Web3, alla politica e alla regolamentazione, ai CBDC, alla privacy e al futuro del metaverso.
Leggi la biografia completa