Per saperne di più

Venus Protocol liquida 60 milioni di dollari di garanzie collaterali degli hacker di BNB

2 mins
Aggiornato da

Un hacker che ha rubato quasi 600 milioni di dollari in BNB l’anno scorso ha liquidato oltre 60 milioni di dollari in garanzie sul servizio decentralizzato di prestiti e mutui Venus Protocol. La società di sicurezza PeckShield ha segnalato per prima la liquidazione.

I fondi rubati erano stati dati in garanzia per un prestito USDC di 30 milioni di dollari. Ma il balzo dei rendimenti obbligazionari delle ultime 24 ore ha fatto precipitare gli asset digitali, facendo sì che il prestito diventasse sottocollateralizzato.

L’hacker di BNB non è riuscito a eludere i contratti intelligenti

Dopo che BNB è sceso sotto i 220 dollari, lo smart contract Venus ha liquidato tre prestiti per un valore di 148 milioni di dollari. L’hacker ha depositato 900.000 BNB (198 milioni di dollari) come garanzia per prendere in prestito le stablecoin USDC, USDT e BUSD.

Venus Protocol Liquidates Three Loans Taken Out By BNB Hacker.
Le tre liquidazioni dei prestiti dell’hacker BNB | Fonte: BscScan

A differenza del trading a margine tradizionale, in cui i broker consigliano agli investitori di aumentare il margine iniziale che hanno impegnato per evitare la liquidazione, gli smart contract liquidano le posizioni senza alcun preavviso. Di conseguenza, gli investitori devono monitorare attentamente tutte le posizioni a leva o collateralizzate che sospettano possano scendere al di sotto della soglia minima prevista dal protocollo.

I ponti DeFi soffrono di scarsa igiene informatica

Una persona o più persone hanno rubato 568 milioni di dollari di BNB dopo aver violato il bridge BSC Token Hub in ottobre. Sebbene l’autore sia sconosciuto, diversi attacchi simili nel 2022 sono stati attribuiti a Lazarus, un gruppo di criminalità informatica nordcoreano sospettato di finanziare un programma nucleare governativo.

I bridge aiutano gli operatori a spostare i token da una blockchain all’altra. Si tratta di contratti intelligenti che bloccano i token da una blockchain di origine e poi ne coniano l’equivalente sulla blockchain di destinazione.

Non siete sicuri di cosa sia uno smart contract? Leggete la nostra guida completa qui.

Sebbene sia conveniente, le leggi non obbligano ancora i creatori di bridge a sottoporsi a verifiche dei contratti intelligenti che potrebbero rivelare falle nella sicurezza. Di conseguenza, gli hacker possono sfruttare il loro codice per rivelare i fondi bloccati.

D’altro canto, la natura centralizzata dei bridge spesso consente di contenere le conseguenze degli hack. L’anno scorso, dopo l’hack, Binance ha bloccato la sua Smart Chain e ha congelato 7 milioni di dollari di fondi rubati.

Avete qualcosa da dire sulla liquidazione dell’hacker di BNB sul Protocollo Venus o su qualsiasi altra cosa? Scriveteci o partecipate alla discussione sul nostro canale Telegram. Potete trovarci anche su TikTok, Facebook o X (Twitter).

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

david-thomas.jpg
David Thomas si è laureato con lode in ingegneria elettronica presso l'Università di Kwa-Zulu Natal a Durban, in Sudafrica. Ha lavorato come ingegnere per otto anni, sviluppando software per i processi industriali presso lo specialista sudafricano dell'automazione Autotronix (Pty) Ltd., sistemi di controllo minerario per AngloGold Ashanti e prodotti di consumo presso Inhep Digital Security, una società di sicurezza nazionale interamente di proprietà del conglomerato svedese Assa Abloy. Ha...
Leggi la biografia completa