Per saperne di più

Un ingegnere delle forze spaziali statunitensi sostiene l’uso di Bitcoin per la sicurezza informatica nazionale

3 mins
Aggiornato da Geraint Price

In breve

  • L'ingegnere delle forze spaziali statunitensi, Jason Lowery, esorta il Defense Innovation Board a indagare sull'importanza strategica del Bitcoin per la sicurezza informatica nazionale.
  • Lowery propone di convertire il protocollo proof-of-work di Bitcoin in un "macrochip", introducendo vincoli fisici nel cyberspazio per una maggiore sicurezza.
  • Nonostante alcuni pareri contrari, Lowery insiste sul fatto che il processo di convalida ad alta intensità energetica di Bitcoin potrebbe trasformare la nostra comprensione della guerra informatica.
  • promo


L’ingegnere della Forza spaziale statunitense Jason Lowery ha esortato il Defense Innovation Board a indagare se un protocollo proof-of-work come il Bitcoin (BTC) possa diventare di importanza strategica nazionale.

Dopo che lunedì il Bitcoin ha raggiunto i 41.000 dollari, circolano teorie secondo le quali la criptovaluta di punta potrebbe avere un’importanza strategica per la sicurezza informatica.

Jason Lowery propone di convertire la Proof-of-Work del Bitcoin in Macrochip

Il concetto fondamentale per garantire la sicurezza su terra, mare, aria e spazio ruota attorno alla creazione di formidabili barriere fisiche all’accesso. Un esempio illustrativo di questo principio è la costruzione di forti in cima alle colline, posizionati strategicamente per rappresentare una sfida fisica ai potenziali avversari e salvaguardare dalle intrusioni.

Similmente, Lowery ha spiegato che l’aumento delle barriere fisiche può proteggere anche il cyberspazio. Ha spiegato che:

“La strategia prevede l’utilizzo di un computer ad alta intensità di risorse fisiche. Progettando un computer fisicamente costoso da utilizzare e rendendone obbligatorio l’uso, possiamo effettivamente introdurre vincoli fisici nel cyberspazio e imporli a chiunque operi nel, dal e attraverso il cyberspazio.

“Ciò potrebbe essere ottenuto costruendo e integrando un computer di questo tipo nell’infrastruttura di Internet, trasponendo così le restrizioni fisiche del mondo reale in un regno digitale precedentemente privo di restrizioni per applicazioni varie di sicurezza informatica”.

Imicrochip rendono più velocii processidi calcolo. Ma per i calcoli ad alta intensità di risorse, Lowery ha proposto l’idea del “macrochip”. Ritiene che la rete elettrica globale possa essere convertita in un “computer generale ad alta intensità di energia su larga scala o in un macrochip”.

Secondo Lowery, il macrochip esiste già, nascosto in bella vista, ovvero il proof-of-work di Bitcoin. Ha affermato che:

“Le tecnologie di proof-of-work, come esemplificate da Bitcoin, hanno il potenziale per rimodellare in modo significativo la nostra comprensione della guerra nel dominio cibernetico. Come minimo, queste innovazioni stanno già trasformando la nostra comprensione della sicurezza informatica”.

In effetti, la convalida di Bitcoin tramite proof-of-work è un compito ad alta intensità energetica, che richiede un’enorme potenza di calcolo. Al momento, la difficoltà del Bitcoin è di 67,96 terahashes al secondo. La metrica misura la difficoltà di estrazione di un blocco di Bitcoin in terahashes.

Per saperne di più: Libro bianco sulla semplificazione del Bitcoin: Una guida completa

Bitcoin Difficulty in Terahashes.
Difficoltà del Bitcoin in terahashes. Fonte: CoinWarz

In una lettera aperta di quattro pagine, Lowery ha raccomandato al Defense Innovation Board di “dare priorità all’indagine sull’importanza strategica nazionale dei protocolli proof-of-work come il Bitcoin”. In precedenza, a marzo, attraverso la sua tesi di master al Massachusetts Institute of Technology (MIT), aveva suggerito che gli Stati Uniti dovrebbero accumulare Bitcoin come arma di autodifesa.

Un malinteso?

Molti hanno opinioni contrarie alla proposta di Lowery. Per esempio, John Bethancourt, ufficiale dell’aeronautica in pensione, ritiene che l’idea di Lowery sia stata fraintesa. Egli sostiene che:

“PoW è un meccanismo per ottenere il consenso e la fiducia in un libro mastro distribuito, richiedendo lavoro computazionale per convalidare le transazioni e creare nuovi blocchi. Non fornisce la crittografia dei dati né protegge le informazioni da accessi non autorizzati. È stato progettato per prevenire la doppia spesa e garantire l’integrità della blockchain, non per proteggere i dati o l’infrastruttura di rete da attacchi informatici.

PoW non protegge i dati da accessi non autorizzati, sfruttamento o furto”.

Per saperne di più: Come acquistare Bitcoin (BTC) e tutto quello che c’è da sapere

Avete qualcosa da dire sul Bitcoin proof-of-work o su qualsiasi altra cosa? Scriveteci o partecipate alla discussione sul nostro canale Telegram. Potete trovarci anche su TikTok, Facebook o X (Twitter).

Per l’ultima analisi di BeInCrypto sulBitcoin (BTC), cliccate qui.

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

d326593854ef2d7bd9bc5593cf7faf7f.png
Harsh Notariya eccelle nel fornire notizie di criptovalute ottimizzate per il SEO in tempi stretti. In precedenza, in qualità di Growth Marketer presso Sporty e di Community Consultant presso Totality Corp, ha incrementato in modo significativo il coinvolgimento e i follower della comunità. Harsh ha anche creato contenuti coinvolgenti per il top influencer di criptovalute Shivam Chhuneja, mescolando riferimenti ai meme per un'esperienza educativa ma divertente. Le sue competenze versatili lo...
Leggi la biografia completa