Per saperne di più

I minatori di Bitcoin vincono la battaglia legale: Indagine sul consumo di energia sospesa

2 mins
Aggiornato da Bary Rahma

In breve

  • Il tentativo degli Stati Uniti di raccogliere dati sul consumo energetico dei minatori di Bitcoin è stato fermato dopo una forte opposizione.
  • Una sentenza del tribunale, favorevole ai minatori, ha imposto all'Energy Information Administration (EIA) di sospendere l'indagine.
  • La decisione è stata accolta con favore dalla comunità delle criptovalute, sottolineando un trattamento equo per tutti i consumatori di energia.
  • promo


A seguito di una forte opposizione, gli Stati Uniti hanno messo in pausa il loro tentativo di raccogliere dati sul consumo energetico dei minatori di Bitcoin.

Il mese scorso l’Energy Information Administration (EIA), una divisione del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, aveva annunciato l’intenzione di raccogliere informazioni sul consumo energetico dei minatori di criptovalute.

Sospesa l’indagine sul mining di Bitcoin

La mossa dell’EIA è stata immediatamente accolta dalla comunità del mining e da diversi legislatori statunitensi che l’hanno ritenuta invasiva. Di conseguenza, Riot Platforms, un’importante società di mining di Bitcoin, e il Texas Blockchain Council hanno avviato un’azione legale contro le autorità, sostenendo che il sondaggio era illegale e politicamente guidato.

Un’ordinanza del 23 febbraio, condivisa da Pierre Rochard, vicepresidente della ricerca di Riot, ha rivelato che il tribunale si è pronunciato a favore dei minatori di Bitcoin. Il tribunale ha ritenuto che la giustificazione del Dipartimento dell’Energia fosse carente e ha criticato l’azione come arbitraria, capricciosa e un abuso di discrezionalità.

Di conseguenza, il tribunale ha emesso un ordine restrittivo temporaneo, fermando l’indagine e obbligando la VIA a isolare i dati già raccolti dai minatori di Bitcoin. Inoltre, l’EIA ha confermato che sospenderà il sondaggio obbligatorio e sequestrerà i dati raccolti per un mese.

“L’EIA non applicherà alcun obbligo di presentare il modulo EIA-862 né chiederà o imporrà multe, sanzioni o altre conseguenze negative basate sulla mancata risposta al sondaggio fino al 22 marzo 2024”, ha dichiarato l‘EIA.

La recente sentenza è stata accolta con favore da molti membri della comunità crittografica. L’ambientalista e investitore Daniel Batten ha sottolineato l’importanza di un trattamento equo per tutti i consumatori di energia. Batten ha inoltre criticato la natura discriminatoria delle dure sanzioni per i data center Bitcoin rispetto a un approccio indulgente nei confronti dell’utilizzo di energia da parte dei data center AI.

In linea con questi punti di vista, il capogruppo del GOP Tom Emmer ha applaudito la sospensione dell’indagine, condannando la spinta dell’EIA a far sì che i minatori di Bitcoin rivelino dati proprietari.

Bitcoin Mining energy usage
Utilizzo di energia per il mining di Bitcoin. Fonte: Techopedia

Negli ultimi anni, i minatori di criptovalute hanno affrontato un crescente scrutinio per il loro impatto sull’ambiente e l’elevato utilizzo di energia. Tuttavia, le parti interessate hanno sostenuto che le attività di mining di BTC contribuiscono alla stabilità e all’efficienza dei sistemi energetici.

La senatrice statunitense Cynthia Lummis ha elogiato in particolare il mining di Bitcoin per il suo contributo positivo alle reti energetiche americane e all’esplorazione di nuove fonti di energia.

“Come ho detto per anni, il mining di bitcoin è un bene per le reti energetiche americane e per lo sviluppo di nuove risorse energetiche. Sono lieto di vedere che l’EIA ha temporaneamente sospeso la sua indagine intrusiva e mal consigliata”, ha dichiarato Lummis.

Top piattaforme di crypto in Italia | Aprile 2024

Trusted

Dichiarazione di non responsabilità

Tutte le informazioni contenute nel nostro sito web sono pubblicate in buona fede e solo a scopo informativo generale. Qualsiasi azione intrapresa dal lettore in base alle informazioni contenute nel nostro sito web è strettamente a suo rischio e pericolo.

5462d8675ac6f9a9c7b884a579a6a09f?s=120&d=wp_user_avatar&r=g
Oluwapelumi Adejumo
Oluwapelumi ritiene che il Bitcoin e la tecnologia blockchain abbiano il potenziale per cambiare il mondo in meglio. È un avido lettore e ha iniziato a scrivere di criptovalute nel 2020.
Leggi la biografia completa