Per saperne di più

Web5 spiegato: Cos’è e come si differenzia dal Web3

7 mins
Aggiornato da

Web3 – o web5 – è una parola d’ordine che potreste aver sentito circolare sul web di recente, soprattutto se siete fan della tecnologia blockchain. Web3 è un internet decentralizzato che dà agli utenti il controllo sulle proprie informazioni. Si riferisce anche a una versione utopica di Internet in cui le applicazioni non vengono eseguite su server ma attraverso reti peer-to-peer.

Il concetto di web3 esiste da più di sette anni e alcuni dei più grandi nomi della tecnologia hanno investito miliardi in questo spazio. Recentemente, l’ex CEO di Twitter Jack Dorsey ha fatto un ulteriore passo avanti con il concetto di web5.

Vi piace il concetto di Web3? Unisciti alla comunità di trading BeInCrypto su Telegram con persone che la pensano allo stesso modo: condividi la tua esperienza, discuti e leggi tutte le notizie più interessanti sul Web3.Unisciti adesso

Qui spieghiamo cos’è il web5 e come si differenzia dal web3.

L’evoluzione di Internet

evoluzione del web5

I primi tempi di Internet prevedevano un semplice ipertesto , che si è rapidamente evoluto in tecnologie più complesse. Ha gettato le basi per un web più sofisticato, ampliando costantemente il tipo di contenuti pubblicati online.

Il Web2 è stato il prossimo passo. Darcy DiNucci ha ideato il termine “Web2” nel 1999. Questa piattaforma si concentra sui contenuti generati dagli utenti, sulla facilità d’uso, sulla cultura partecipativa e sulla capacità degli utenti di condividere le informazioni. Si concentra sulla connessione delle persone attraverso le reti sociali e sulla condivisione delle informazioni in tempo reale.

Web3 fa un ulteriore passo avanti, riunendo tutte le forme di dispositivi connessi in un unico luogo. Il cofondatore di Ethereum Gavin Wood ha coniato questo termine nel 2014. Web3 consente agli utenti di comunicare senza preoccuparsi della privacy compromessa o della condivisione di dati senza consenso.

Web3 è un web decentralizzato in cui gli utenti hanno il controllo completo dei propri dati. È un luogo in cui le persone possono scoprire nuovi contenuti e connettersi senza le restrizioni organizzative che attualmente controllano Internet. Di conseguenza, gli utenti possono comunicare senza temere che una piattaforma riveli o comprometta i loro dati senza il loro consenso o la loro conoscenza.

https://twitter.com/jack/status/1535314738078486533

Infine, il recente annuncio di Web5 è ampiamente previsto come la prossima versione principale del World Wide Web. Il suo obiettivo principale è quello di facilitare ai programmatori lo sviluppo di applicazioni web decentralizzate (DWA) che utilizzano credenziali che possono essere verificate in modo indipendente e nodi web non centralizzati. A differenza del sistema esistente, in cui gli intermediari controllano gli identificatori, questo sistema utilizza identificatori decentralizzati per recuperare il controllo e la proprietà dei dati.

Che cos’è il web5?

cos'è il web5

L’obiettivo principale di web5 è garantire che gli utenti abbiano la completa proprietà delle loro informazioni e dei loro datipersonali. A tal fine, i team stanno lavorando alla costruzione di un sistema più decentralizzato. Ciò consente agli utenti di gestire facilmente la propria identità e di controllare dove memorizzare i propri dati.

Il Web attuale è accessibile a tutti per il piattaformadiscambio di informazioni, ma manca di un livello chiave. Secondo [TBD]

“Facciamo fatica a proteggere i dati personali con centinaia di account e titoli che non riusciamo a ricordare. Oggi sul web l’identità e i dati personali sono diventati proprietà di terzi”.

Jack Dorsey ha già consigliato alle persone di essere consapevoli di ciò che sta accadendo in questa nuova era di web3. Per quanto riguarda la proprietà e la gestione, web3 non è trasparente, secondo lui.

https://twitter.com/jack/status/1473139010197508098

Tutti questi problemi sono ciò che Web5 si propone di risolvere. L’idea è quella di decentralizzare i nostri dati in modo sicuro e protetto, rendendo al contempo più semplice l’utilizzo dei nostri dati!

Tim Berners-Lee ha definito il Web5 come il “web emozionale” in un discorso TED del 2009. Lo ha descritto come un sistema che consente agli utenti di creare identità digitali. Le persone avranno il controllo completo sui propri dati e potranno monetizzarli se lo desiderano.

https://www.youtube.com/watch?v=OM6XIICm_qo&t=2s

Nell’era dei dispositivi mobili, alcuni hanno ipotizzato che il web4 esista già. Si tratta di un luogo in cui i dispositivi sono diventati il nostro modo principale per ottenere informazioni e parlare con altre persone.

Ad esempio, sul telefono è possibile cercare informazioni su qualsiasi cosa in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Molte persone si riferiscono a questo concetto di web4 perché si affida in larga misura alla tecnologia mobile piuttosto che ai computer desktop o ai computer portatili, come facevano le generazioni precedenti.

Il team dietro al web5

Il team che sta dietro al web5 è guidato da Jack Dorsey, ex CEO di Twitter e attuale CEO di Square. È anche il fondatore di The Block, una società sussidiaria che si occupa di costruire nuove infrastrutture finanziarie utilizzando la tecnologia bitcoin. All’inizio di quest’anno, The Block ha annunciato il progetto di costruire un nuovo web decentralizzato (web5) incentrato sul Bitcoin.

Una delle sussidiarie di Block sta lavorando al web5, noto come TBD. L’azienda ha spiegato cos’è esattamente il Web5. Secondo TBD, il web5 combina il web attuale (web2) e le criptovalute come il Bitcoin. In altre parole, unisce le funzionalità web della vecchia scuola alla tecnologia blockchain. TBD è una delle diverse unità aziendali di Square di Jack Dorsey che si concentrano sui prodotti di criptovaluta.

Come funziona web5?

come funziona il web5

Innanzitutto, i DWN(Decentralized Web Nodes) sono la struttura principale della rete distribuita per i nodi web che formano una rete peer-to-peer di utenti web5. Gli utenti stessi eseguono i DWN sul proprio computer o dispositivo. Ciò consente a diversi utenti di web5 di condividere, passare e identificare le informazioni.

La distribuzione dei DWN tra gli utenti dà luogo a un archivio di dati a rete, senza server o autorità centrali che li controllino. In questo modo, gli utenti possono interagire tra loro senza doversi affidare a terzi, come Google o Facebook, che spesso hanno i loro programmi in materia di privacy.

Poiché gli utenti controllano il proprio DWN, possono decidere se rendere pubblici i propri dati. È quindi necessario che l’utente conceda l’accesso ai dati. In ogni caso, i dati sono privati. Nel caso di dati privati, l’applicazione li richiama automaticamente.

Pilastri
Pilastri di web5: TBD

Web5 funziona anche grazie all’utilizzo di DID (Identificatori decentralizzati) e di credenziali verificabili. Si tratta di un componente fondamentale che può essere utilizzato per creare identità auto-sovrane. La combinazione permette di creare un’identità decentralizzata. Ciò significa che gli utenti possono identificarsi senza fare affidamento su una singola parte. In altre parole, un DID è solo un componente che tocca la blockchain pubblica, il che significa che non deve essere memorizzato sulla blockchain stessa.

I DID sono identificatori unici. Sono autocontrollati e generati dall’utente, consentendogli di mantenere la proprietà della propria identità. Le credenziali verificabili sono utilizzate per provare diversi aspetti di un’identità. Vengono utilizzate per ottenere credenziali da altre parti che attestano le capacità, la credibilità e la reputazione di chi le possiede. Se combinati in un’unica entità concettuale chiamata “servizi di identità auto-sovrana” (SSIS), questi due concetti consentono agli utenti di stabilire la vera proprietà delle loro identità digitali.

Web3 vs. web5

confronto con web3

La visione primaria del Web5 è paragonabile a quella del Web3, ma ognuna ha le sue caratteristiche uniche. I concetti delle applicazioni Web3 assumono la forma di contratti intelligenti distribuiti su blockchain pubbliche come Ethereum. Molti si riferiscono a web3 come a un’applicazione decentralizzata (DApps). Il suo codice sottostante risiede su una rete decentralizzata basata su blockchain.

D’altra parte, web5 include applicazioni web decentralizzate (DWA) che non sono basate su blockchain, ma possono comunicare con le DWN. In questo modo si forma una rete peer-to-peer che esiste indipendentemente da qualsiasi blockchain pubblica.

Con web5, l’utente ha il controllo dei propri dati, che può salvare sui DWN. D’altra parte, web3 memorizza i dati sulla rete decentralizzata o sul file system distribuito con IPFS in grado di distribuire e memorizzare i dati in un sistema di rete peer-to-peer.

Quando sarà disponibile web5 per l’uso pubblico?

Web5 è attualmente solo un progetto open-source ancora in fase di sviluppo. Il team ha ancora bisogno di tempo per capire quando web5 uscirà e come verrà utilizzato. Mike Brock, responsabile di TBD, ha recentemente confermato che non ci saranno token per investire nell’ecosistema web5.

https://twitter.com/brockm/status/1535328599200477184

Web5 è l’internet decentralizzato di cui abbiamo bisogno

Web5 è la prossima versione di Internet. Non è ancora una realtà, ma è abbastanza vicina da poter vedere cosa succederà con la prossima versione dei browser e dei servizi web.

Il team che sta dietro a web5 lavora a questa tecnologia open-source da oltre un decennio, e si vede. I creatori e i primi utilizzatori dell’idea la stanno ancora perfezionando, poiché è ancora nelle prime fasi di sviluppo. Più persone utilizzano web5, più è probabile che diventi parte della nostra vita quotidiana.

Domande frequenti

What is a web5?

How does web5 work?

Does web3 have a future?

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Scopri la dichiarazione di non responsabilità

All the information contained on our website is published in good faith and for general information purposes only. Any action the reader takes upon the information found on our website is strictly at their own risk.

Screenshot-2024-06-20-at-22.10.48.png
Chris Adede è un professionista versatile con cinque anni di esperienza nella creazione di contenuti, nell'informatica e nella gestione di progetti. Ha competenze in criptovalute, fintech e blockchain e ha pubblicato articoli con BeInCrypto, Hanshow e NFT Monday. Segue lo spazio delle criptovalute da diversi anni ed è appassionato del potenziale degli ecosistemi web3 e crypto per trasformare il mondo. In generale, Chris è un professionista esperto che porta una combinazione unica di...
Leggi la biografia completa