Per saperne di più

Ledger vs. Trezor: quale portafoglio hardware è il migliore in 2024?

20 mins
Aggiornato da

La guerra dei portafogli hardware si è intensificata nel 2023, con l’annuncio da parte di Ledger di una nuova funzione opzionale di backup delle frasi dei semi che ha attirato critiche significative nella comunità delle criptovalute. Mentre diverse alternative hardware sono state pronte a incoronarsi come opzione di archiviazione a freddo, la sfida tra Ledger e Trezor è forse la più competitiva.

Questa guida mette a confronto Ledger e Trezor in modo dettagliato e su diversi parametri. Analizziamo in modo imparziale le offerte presentate da ciascun produttore di sistemi di conservazione a freddo, aiutandovi a decidere la migliore opzione di conservazione offline per le vostre esigenze personali e professionali.

BeInCrypto Trading Community in Telegram: read reviews on the best crypto cold & hot wallets with high level of security, get the hottest news on crypto, read technical analysis on coins & get answers to all your questions from PRO traders & experts!

Join now

Portafogli Ledger: una panoramica

ledger vs trezor: ledger

Ledger è uno dei principali produttori di portafogli hardware con sede a Parigi. Lanciata nel 2014, l’attuale offerta di Ledger include Ledger Nano S e Ledger Nano X.

Perché acquistare un portafoglio Ledger?

Sebbene ci siano diversi motivi per scegliere Ledger, ecco i nostri preferiti:

  • Un ampio elenco di criptovalute supportate, oltre 1800 e più.
  • Il livello di sicurezza hardware è incredibilmente alto, grazie alla tecnologia proprietaria BOLOS e al chip ST33.
  • L’interfaccia Ledger Live è altamente interattiva.
  • È dotato di supporto Bluetooth integrato, che porta la tecnologia wireless a un livello superiore.
  • Supporta un’ampia gamma di metodi di pagamento o transazione, includendo bonifici bancari, trasferimenti di criptovalute e pagamenti con carta di debito/credito.

Cercate motivi per evitarlo? La controversia del maggio 2023 sulla funzione “Recover” potrebbe indurvi a cercare alternative a Ledger. Altrimenti, lo schermo più piccolo e i precedenti casi di violazione dei dati potrebbero essere degli avvisi.

Quale portafoglio Ledger scegliere?

Il Ledger Nano S ha senso se siete appassionati di criptovalute e cercate un’opzione sicura ma conveniente. Ma il Nano X è la scelta migliore se avete un portafoglio di criptovalute diversificato e preferite specifiche di connettività all’avanguardia.

Get the trusted and reliable hardware wallet today — shop Ledger!

Portafogli Trezor: una panoramica

Trezor, il produttore di portafogli hardware, proviene dalla casa di SatoshiLabs. Nato e cresciuto nella Repubblica Ceca, Trezor ha fatto la sua comparsa sulla scena delle criptovalute nel 2013.

Perché acquistare un portafoglio Trezor?

Se, come Ledger, state cercando dei motivi per scegliere un portafoglio Trezor, ne abbiamo alcuni:

  1. Il software è open-source e consente agli sviluppatori di costruirlo e migliorarlo.
  2. Gli aggiornamenti del firmware sono regolari e utili
  3. È possibile optare per una variante touchscreen, in base alle proprie esigenze.

Se cercate motivi per evitarlo, la mancanza di compatibilità con il Bluetooth e l’assenza di supporto per le app possono rappresentare un potenziale ostacolo. Inoltre, è possibile effettuare transazioni o acquisti di criptovalute nei portafogli Trezor solo utilizzando carte di debito e di credito.

Don’t wait — get the secure Trezor wallet today!

Quale portafoglio Trezor scegliere?

Se siete alle prime armi con le criptovalute, potreste prendere in considerazione il Trezor One. È conveniente e facile da capire. Ma se cercate utilità e caratteristiche più avanzate, il Trezor Model T, con supporto di monete migliorato e funzionalità touchscreen, è l’opzione superiore.

Ledger vs. Trezor: confronto tra colossi

ledger vs trezor: hardware

Ora che abbiamo sbirciato le caratteristiche migliori di Ledger e Trezor, è il momento di portare questo confronto tra portafogli hardware al livello successivo, selezionando i parametri e confrontando i produttori di conseguenza.

Ledger vs. Trezor: titoli

I portafogli hardware sono pensati per essere sicuri. Nei portafogli Ledger, il chip ST33 (secure element) si occupa della sicurezza. Principalmente un’implementazione hardware, il chip secure element è alimentato da BOLOS – il Blockchain Open Ledger Operating System – il software proprietario di Ledger, per offrire un’esperienza di sicurezza olistica.

Utilità di un chip Smart Element: Ledger

Oltre alle offerte di sicurezza crittografica hardware-software, i portafogli Ledger offrono anche il supporto della passphrase, un’opzione di recupero della chiave privata di 24 parole. E anche se l’impostazione multi-firma non è prevista, Ledger può lavorare con strumenti come Specter ed Electrum, consentendo di impostare più firme di accesso al portafoglio.

L’approccio di Trezor alla sicurezza delle criptovalute è diverso. Invece di un chip e di un hardware, i portafogli Trezor si affidano al backup di Shamir , un modo per suddividere la frase di recupero in più azioni. Tuttavia, solo il modello T di fascia alta offre questa funzione. Consideratelo come un labirinto da caccia al tesoro in cui l’accesso alle chiavi non è mai centralizzato.

https://www.youtube.com/watch?v=W54g3T4WyIg&ab_channel=Trezor

Anche Trezor può lavorare con portafogli software come Electrum per aiutarvi a impostare un sistema multi-sig. Inoltre, poiché il software è open-source, il codice viene controllato da terzi, il che è in linea con l’etica della decentralizzazione.

Il verdetto

Il doppio chip SE di Ledger è potente e sicuro, ma non è open source, come la sua offerta basata sull’interfaccia utente Ledger Live. Trezor, invece, si concentra maggiormente sulla tecnica organica per aiutarvi a recuperare la frase seme senza un approccio centralizzato basato su cloud. Inoltre, sia Ledger che Trezor consentono l’autenticazione a due fattori e la configurazione di passphrase.

Se preferite gli standard di sicurezza basati sull’hardware, Ledger sembra promettente. Ma se cercate caratteristiche aggiuntive come lo Shamir Backup per un approccio più decentralizzato alla sicurezza dei portafogli, ci schieriamo con Trezor.

Did you know? Ledger claims that its Secure Elements chip can thwart side-channel “Shazam” attacks — a form of attack where the attacker measures the power consumption at the source and tries matching the same to crack the PIN.

Trezor è in testa con:

  1. Backup Shamir
  2. Supporto open-source
  3. Supporto per passphrase e PIN
  4. Configurazione esterna e multi-sig

Ledger vs. Trezor: copertura crittografica

Secondo i dati più recenti, i portafogli Ledger possono supportare oltre 5.500 asset digitali. Includono l’hosting diretto delle chiavi e la possibilità di lavorare con portafogli di terze parti. Inoltre, con Ledger, sia Nano X che Nano S vantano similmente una copertura di criptovalute.

Trezor, invece, copre oltre 5.000 asset di criptovalute, con il Model T che ne supporta di più rispetto al Trezor One. Questa caratteristica è utile se si vuole scegliere un dispositivo solo in base al suo supporto per le criptovalute. Inoltre, Trezor non supporta monete popolari come XRP, CELO e altre, il che lo rende un’opzione meno promettente per i possessori più aggressivi o avventurosi.

Entrambi i produttori supportano la gestione NFT, l’archiviazione di token ERC-20 e altro ancora se utilizzati con estensioni come MetaMask. Inoltre, Ledger supporta l’interesse diretto per le criptovalute, tramite Ledger Live, per ATOM, DOT e altro ancora, consentendo di sfruttare al meglio le proprie criptovalute.

Il verdetto

Se volete scegliere un portafoglio hardware solo in base al numero di criptovalute che può ospitare, vi consigliamo di scegliere Ledger.

Il vincitore è Ledger con:

  1. Supporto aggiuntivo per l’archiviazione di criptovalute
  2. supporto per l’interesse diretto tramite Ledger Live
  3. Accesso ai mercati NFT tramite Ledger Live
  4. Accesso diretto agli scambi di criptovalute

Usabilità

Alcuni elementi del portafoglio, dall’impostazione della password all’utilizzo di un’interfaccia utente basata su dispositivi mobili, possono rendere l’esperienza dell’utente più o meno difficile. È indispensabile discutere il confronto tra i modelli di portafogli hardware Ledger e Trezor nella categoria dell’usabilità.

In primo luogo, Ledger offre un accesso diretto alle DApp, rendendolo un’opzione migliore per i più esperti di criptovalute. La sua interfaccia Ledger Live dispone di tutte le risorse per interagire con il portafoglio stesso. Inoltre, è possibile utilizzare Ledger Live come strumento di gestione del portafoglio. L’impostazione del PIN è una parte dell’inizializzazione del portafoglio e ci sono due pulsanti fisici sul dispositivo Ledger stesso, che sono cliccabili e non sono i miglioramenti fisici più innovativi con cui lavorare.

Ledger vs. Trezor e app live
App Ledger live: Ledger

Trezor funziona con l’interfaccia Trezor.io basata su browser (Trezor Suite). È facile da navigare ma meno carica rispetto a Ledger Live. L’impostazione del PIN segue un approccio basato sul rimescolamento dei numeri, mentre i pulsanti fisici delle opzioni di archiviazione offline di Trezor sono più facili da usare rispetto a Ledger.

Ledger vs. Trezor e l'interfaccia della suite
Interfaccia della suite Trezor: Trezor

Il verdetto

Trezor sembra essere la scelta migliore se siete curiosi di criptovalute e non volete affrontare le complessità di Ledger Live.

Trezor è in vantaggio per:

  1. Migliore posizionamento dei pulsanti
  2. Un modo sicuro per impostare i titoli
  3. Interfaccia utente minimale basata sul web in Trezor.io
  4. Una guida dettagliata per l’impostazione del portafoglio

Ledger vs. Trezor: diversità dei modelli

Sia Ledger che Trezor offrono scelte di portafogli che possono semplificarvi la vita. Ledger offre attualmente i portafogli Nano S+ e Nano X con display OLED e risoluzioni rispettivamente di 128 x 32 pixel e 128 x 64 pixel. Come accennato, il Nano X ha suscitato critiche a causa della funzione opzionale “Recover” associata all’ultimo aggiornamento del firmware.

Oltre al Nano X e al Nano S+, Ledger permette di scegliere anche lo Stax, un portafoglio touch E-Ink con una risoluzione dello schermo di 240 x 240 pixel. Tuttavia, questo sembra un dispositivo più grande per i possessori di criptovalute molto esperti. Si noti che ogni portafoglio Ledger supporta lo stesso numero di asset di criptovalute.

Ledger vs. Trezor e il design
Modelli Trezor: Trezor

Con Trezor, potete scegliere tra il Modello T e il Trezor One in base alle vostre esigenze. Mentre il Model T è dotato di un touchscreen LCD con una risoluzione di 240 x 240 pixel, il più economico One presenta un luminoso display OLED con una risoluzione di 128 x 64 pixel. Se si desidera una maggiore sicurezza di archiviazione delle criptovalute, il Trezor Model T con supporto per schede SD e portafogli è la scelta migliore.

Il verdetto

Nonostante offra solo due opzioni di portafoglio tra cui scegliere, Trezor sembra avere una maggiore varietà di risorse specifiche per quanto riguarda le sue offerte.

Trezor è in testa con:

  1. Una migliore serie di opzioni specifiche per l’esperienza
  2. Supporto del touchscreen sul Modello T
  3. Supporto per schede SD su alcuni modelli
  4. Supporto del portafoglio integrato associato al Modello T

Ledger vs. Trezor: Compatibilità

Prima di considerare l’investimento in un portafoglio hardware, prendetevi un momento per stabilire la compatibilità. I portafogli Ledger funzionano facilmente con interfacce di terze parti come MetaMask e MyEtherWallet. Ogni dispositivo Ledger può funzionare anche con configurazioni Windows, macOS o addirittura Linux. Inoltre, i portafogli Ledger offrono supporto per iOS e Android grazie all’applicazione Ledger Live, ampiamente compatibile.

I portafogli Trezor supportano anche portafogli ed estensioni di terze parti. Inoltre, è possibile collegare i portafogli Trezor a sistemi Windows, macOS e Linux. Tuttavia, la compatibilità con Android è possibile solo con il supporto OTG, poiché non esiste un’applicazione dedicata con cui lavorare.

Il verdetto

I portafogli Ledger sono ideali per gli utenti che preferiscono le app mobili per gestire i propri portafogli. Anche se alcuni potrebbero considerare questo miglioramento un po’ centralizzato, Ledger si fa valere per quanto riguarda la facilità d’uso.

Ledger vince questo round grazie a:

  1. Accesso alle app attraverso gli ecosistemi Android e iOS
  2. Compatibilità multipiattaforma di Ledger Live

Ledger vs. Trezor: backup e ripristino

La frase “backup e recupero” può essere il tratto più complicato dei portafogli hardware. Ledger si avvicina alla stessa cosa grazie a una frase di recupero per l’impostazione del portafoglio di 24 parole, detta anche frase di avvio. Esiste una funzionalità opzionale di passphrase in cui una 25a parola consente di recuperare la frase di partenza standard di 24 parole.

Tuttavia, l’aggiornamento del firmware di Ledger del maggio 2023 – corrispondente al Nano X – ha introdotto un’opzione di recupero della frase iniziale basata sul cloud. Nonostante sia opzionale, una cosa così centralizzata come un backup basato sul cloud ha sollevato molti dubbi.

Trezor, invece, introduce lo Shamir Backup, una funzione di recupero della frase di base condivisa, che prevede la suddivisione della frase in più parti. Per recuperare il portafoglio, è necessario fornire alcune azioni (un numero predefinito) come parte del processo di recupero.

Il verdetto

La funzione di recupero condiviso di Trezor sembra molto più trasparente e più adatta alla comunità crittografica rispetto a qualcosa come il backup su cloud.

Trezor è in vantaggio con:

  1. Il concetto di frase di recupero condiviso
  2. Nessun annuncio relativo a una funzionalità di cloud-backup ospitata.

Ledger vs. Trezor: chip funzionante

Ogni portafoglio hardware ha bisogno di un chip per funzionare. Ledger utilizza il doppio chip Secure Element per mantenere al sicuro i dati degli utenti. Secondo Ledger, il chip è resistente alle manomissioni e può resistere ad attacchi di tipo fault, attacchi software e attacchi side-channel. Se siete alla ricerca di titoli specifici, notate che i chipset che leggono ST31H320 e ST33J2M0 sono varianti secure element, mentre i microcontrollori standard non sicuri leggono qualcosa come STM32F042 e STM32WB55.

Ogni portafoglio Ledger combina il chip secure element e un chip microcontrollore standard per creare un ambiente di lavoro sicuro.

Ledger secure element design: Ledger
Design dell’elemento sicuro Ledger: I portafogli Ledger

I portafogli Trezor, indipendentemente dal tipo, sono dotati di chipset non sicuri – STM32F205 per il Trezor One e STM32F405 per il Model T.

Il verdetto

Solo i chipset dei portafogli Ledger offrono agli utenti una sicurezza a livello hardware.

Ledger è in testa con:

  1. Chip Secure Element proprietario integrato, certificato EAL5+.
  2. La perfetta combinazione di microcontrollori sicuri e non sicuri per offrire un’esperienza di sicurezza olistica.

Ledger vs. Trezor: supporto della batteria

Non molti portafogli hardware moderni offrono il supporto per la batteria. Tuttavia, può essere una caratteristica utile se si è sempre in movimento e si preferisce tenere sotto controllo i propri averi. Il Nano X di Ledger è dotato di batteria di backup, grazie al modulo di batteria ricaricabile da 100 mAh. Il Nano S Plus si ricarica collegandolo al computer.

I portafogli Trezor non offrono una batteria di backup e possono essere alimentati solo tramite connessioni USB Type-C.

Il verdetto

Se si preferisce controllare le criptovalute senza dover collegare ogni volta il portafoglio al PC, Ledger è la scelta migliore.

Nota: in alcuni post su Reddit è stato segnalato che la funzionalità di ricarica della batteria associata al Nano X si interrompe a causa delle alte temperature.

Il vincitore è Ledger:

  1. Batteria da 100 mAh sul Nano X.
  2. Ricarica rapida e capacità della batteria di backup di durare oltre tre giorni con una sola carica.

Ledger vs. Trezor: Prezzo

Passando ai prezzi, il Ledger Nano X vi costerà tra i 119 e i 149 dollari, mentre il Nano S Plus si avvicina agli 80 dollari. Inoltre, se volete acquistare il Ledger Stax più potente, dovrete sborsare quasi 279 dollari, il che lo rende l’opzione più costosa della lista.

Se avete intenzione di scegliere un portafoglio Trezor, notate che un Trezor One standard dovrebbe costare circa 55 dollari, mentre il Model T potrebbe costarvi tra i 170 e i 260 dollari , a seconda dell’offerta.

Il verdetto

Ledger offre un catalogo di prodotti più diversificato, in grado di soddisfare al meglio le vostre preferenze in termini di budget.

Inoltre, Ledger vince il segmento grazie a:

  1. Un’ampia gamma di scelte incentrate sul costo e sull’usabilità.
  2. Nonostante la batteria di riserva e le capacità specifiche del display, il Nano X di Ledger ha un prezzo competitivo.

Ledger vs. Trezor: Privacy

Le politiche sulla privacy messe in atto dai produttori di portafogli hardware possono spesso segnare il loro destino. Ledger, come azienda, offre un discorso abbastanza descrittivo sulla raccolta dei dati personali. Si noti che Ledger attualmente raccoglie dati attraverso i siti web, l’applicazione Ledger Live e altre interazioni di terze parti attraverso l’applicazione Ledger Live.

Informativa sulla privacy di Ledger: Ledger
Informativa sulla privacy di Ledger: Ledger

Si noti che il periodo di conservazione dei dati acquisiti può arrivare fino a cinque anni in alcuni casi. Tuttavia, Ledger mantiene una posizione di non conservazione dei dati, ma menziona che le informazioni vengono trasmesse ai partner.

Informativa sulla privacy di Ledger con i partner: Ledger
Informativa sulla privacy di Ledger con i partner: Ledger

Tuttavia, Ledger è stato precedentemente criticato per il suo approccio alla raccolta dei dati.

Raccolta di informazioni su Ledger: Reddit
Raccolta di informazioni da parte di Ledger: Reddit

Tuttavia, il thread è stato accolto con una certa resistenza, poiché un commento di Murzika, l’allora CEO, ha affermato che l’approccio alla raccolta dei dati non era invasivo, rispettava gli standard di anonimato ed era completamente trasparente.

Posizione più chiara e raccolta di dati anonimi: Imgur
Una posizione più chiara e la raccolta di dati anonimi: Imgur

Trezor, invece, segue un approccio alla raccolta dei dati più attenuato. L’informativa sulla privacy afferma chiaramente che l’azienda cancella i dati dei clienti entro tre mesi dall’acquisto del prodotto. Il gigante dell’hardware sta addirittura valutando un approccio più rapido alla cancellazione dei dati.

Informativa sulla privacy di Trezor: Trezor

Il verdetto

Se la privacy è una preoccupazione fondamentale, Trezor mantiene le cose semplici ma convincenti con una dichiarazione diretta. Tuttavia, Ledger è stato criticato per le sue politiche sulla privacy centralizzate.

Trezor è in testa con:

  1. Una politica sulla privacy più trasparente.
  2. Meno casi in cui la politica sulla privacy e le strategie di raccolta dei dati sono state criticate.

Ledger vs. Trezor: Open-source

C’è un elemento di Ledger che tende a sfuggire. L’intera infrastruttura del portafoglio hardware non è closed-source come molti pensano. Al contrario, il firmware di Ledger è relativamente open-source, così come le applicazioni di supporto.

https://twitter.com/Ledger/status/1661050481009999882

In questo modo, il codice può essere rivisto dagli sviluppatori. Tuttavia, il chip Secure Elements e il software proprietario BOLOS sono closed source, un aspetto che in passato ha sollevato dubbi sulla trasparenza.

Trezor, invece, segue un approccio al 100% open-source che permette al codice e all’hardware di essere rivisto da chiunque su Internet. Da notare che, essendo Trezor open-source, è possibile costruire dispositivi completi sulla piattaforma Trezor. Questo potrebbe migliorare ulteriormente la qualità delle integrazioni di terze parti.

Tuttavia, l’ex CEO di Ledger critica la natura open-source di Trezor, affermando che questo potrebbe essere il punto di partenza per la creazione di firmware illegali, dato che solo pochi evangelisti open-source eseguono, compilano e verificano la base di codice.

Il verdetto

Trezor conduce la battaglia open-source, in quanto gli interessati con conoscenze tecniche possono costruire da soli portafogli hardware funzionali.

Ecco l’intero kit di sviluppo con una guida costante nel caso in cui vogliate costruire il vostro portafoglio Trezor da zero.

Trezor offre:

  1. Un approccio completamente open-source alla costruzione e all’utilizzo di portafogli hardware.
  2. Nessuna soluzione proprietaria, il che rende l’intero codice verificabile.

Ledger vs. Trezor: sentimento sociale

Nel maggio 2023, Ledger ha chiaramente perso questo segmento, in quanto il colosso dei portafogli hardware ha dovuto affrontare una serie di critiche per la sua nuova funzione di “recupero”. Una dichiarazione su Reddit di Eric Larcheveque (Murzika) ha aperto un nuovo vaso di Pandora riguardo alle strane insidie di questo aggiornamento “recover”.

Blog di recupero di Ledger: Ledger
Ledger recover blog: Ledger
Eric Larchevêque, cofondatore di Ledger: Reddit

Per quanto riguarda il seguito sui social media, Ledger ha quasi 585.000 follower. Inoltre, dopo la recente svolta, l’azienda ha deciso di rendere open-source una parte maggiore del sistema operativo proprietario.

https://twitter.com/Ledger/status/1661050965242396672

Inoltre, il CEO di Ledger si è persino scusato per aver comunicato male il lancio del prodotto/servizio, un evento che ha colto di sorpresa le persone. Le scuse pubbliche contribuiranno probabilmente a placare i sentimenti negativi nel breve termine.

“Questa esperienza è stata umiliante. Vogliamo fare la cosa giusta per i clienti e la comunità. Tutti commettono errori, e quanto velocemente possiamo rimediare? Ci rivolgiamo alla comunità con le risposte alle vostre domande”.

Pascal Gauthier, CEO e Presidente di Ledger: Twitter

Trezor, con quasi 191.000 follower, sta approfittando della crisi delle pubbliche relazioni di Ledger, promuovendo la trasparenza attraverso il suo account Twitter.

https://twitter.com/Trezor/status/1658508532679835648

Il verdetto

Trezor sembra un’opzione di portafoglio hardware più sicura nel 2024. Ledger si sta anche ribassando per le affermazioni pubblicitarie fuorvianti e ha attirato ulteriori sentimenti negativi nel processo.

Trezor è in testa con:

  1. Un social media in crescita
  2. Nessuna notizia negativa sulla sua presenza sociale

Ledger vs. Trezor: Fisicità

Passiamo agli elementi di design associati a Ledger e Trezor.

Sia il Nano X che il Nano S Plus di Ledger sono racchiusi in un involucro di plastica con uno chassis in acciaio spazzolato. Tuttavia, il Nano X presenta due pulsanti sul viso, che non sono l’aggiunta più estetica che abbiamo visto su un portafoglio hardware. I portafogli Ledger sono per lo più poco appariscenti, grazie all’apparenza di tipo USB.

Trezor, invece, presenta uno chassis in plastica, anche per il modello T, più pregiato. Indipendentemente dal modello scelto, le varianti di Trezor non hanno un aspetto così pregiato come Ledger.

Il verdetto

Trezor punta troppo sulla plastica, mentre Ledger si concentra sull’eleganza delle forme e sull’involucro in metallo. Ma il Model T di Trezor raggiunge il perfetto equilibrio tra il supporto del touchscreen e la qualità dei pulsanti.

Questa sezione si conclude con un pareggio, perché mentre i portafogli Ledger hanno un bell’aspetto, il Model T di Trezor offre un’interfaccia utente più intuitiva. Inoltre, il Model T è dotato di uno schermo più grande ma elimina il pulsante per un utilizzo più semplice.

Ledger vs. Trezor: interfaccia utente

L’interfaccia utente del vostro portafoglio di criptovalute è probabilmente l’aspetto più ignorato. Nel caso dei portafogli Ledger, Ledger Live è al centro dell’attenzione, seguito da un vasto archivio di strumenti di apprendimento e spiegazioni nell’ambito della Ledger Academy.

Trezor, d’altro canto, offre la Trezor Suite, un archivio dedicato di supporto al piattaformadiscambio integrato, supporto al monitoraggio delle transazioni e una discreta collezione di risorse educative.

Il verdetto

Sia Ledger che Trezor hanno interfacce utente piuttosto semplicistiche, che consentono agli utenti una proceduradiinserimentonuovodipendete. Tuttavia, se dovessimo fare un’eccezione, Ledger è in vantaggio, grazie al supporto basato su app e a un’accademia più ricca.

Ledgerè il vincitore:

  1. Risorse educative aggiuntive
  2. Una migliore diffusione degli strumenti che coinvolgono le interazioni con le dApp, i mercati NFT, i piattaformadiscambi e altro ancora.

Ledger vs. Trezor: connettività wireless

Innanzitutto, non molti preferiscono la connettività wireless sui portafogli hardware. Tuttavia, se si tratta di un problema, il Nano X di Ledger è una delle migliori opzioni in circolazione, con supporto Bluetooth. Secondo Ledger, i dati associati alla trasmissione Bluetooth sono anche criptati.

Nessuno dei modelli venduti da Trezor offre il Bluetooth o qualsiasi altra forma di connettività wireless.

Il verdetto

Solo Ledger, e per di più il Nano X, offre il supporto Bluetooth.

Questo round appartiene a Ledger per i seguenti motivi:

  1. La capacità di gestire i portafogli senza connessioni fisiche al PC.
  2. Trasmissione dei dati Bluetooth crittografata.

Ledger vs. Trezor: titoli di sicurezza

sicurezza del portafoglio ledger vs trezor

Le violazioni della sicurezza e gli hackeraggi subiti dai produttori di portafogli in passato possono essere un indicatore di solidità per il futuro. Nel caso di Ledger, la più grande è stata la violazione dei dati del 2020, quando quasi 270.000 clienti hanno visto compromessi i loro dati personali. Nonostante la violazione, Ledger ha ribadito che la sicurezza del portafoglio e lo stato degli asset di criptovaluta conservati nelle soluzioni di archiviazione offline non sono stati compromessi.

Inoltre, i dispositivi Ledger, o qualsiasi altro portafoglio hardware che si connette al PC, possono essere oggetto di un attacco Man-in-the-Middle. Un PC infetto può indurre un titolare di Ledger a firmare una transazione illegittima. Tuttavia, finora non sono stati riscontrati casi del genere.

Trezor è stato anche oggetto di attacchi ed exploit. Nel 2019, i ricercatori di Ledger hanno riportato e testato un attacco per l’estrazione di semi. Il concetto di Passphrase è nato in risposta a questo attacco.

Nel 2020, i Kraken Security Labs hanno individuato un’altra vulnerabilità in cui un attaccante è stato in grado di estrarre la frase seme in meno di 15 minuti. Trezor ha risposto all’attacco dicendo che l’implementazione di massa di minacce similmente non era fattibile e che l’inclusione di passphrase poteva gestire la maggior parte di queste possibilità.

Il verdetto

Nonostante Ledger sia nel mirino della comunità crittografica, gli hack e gli exploit di Trezor sono stati in realtà più comuni.

Ledger vince questo round per i seguenti motivi:

  1. Minori casi di violazioni della sicurezza
  2. L’inclusione del Secure Element offre un ulteriore livello di sicurezza.

Ledger vs. Trezor: caratteristiche a confronto

Dopo aver messo a confronto questi due potenti produttori di portafogli hardware, ecco una rapida tabella di confronto:

CaratteristicheLedgerTrezor
TitoliChip Secure Element.Completamente open-source.
Supporto criptovaluteSupporta oltre 5.500 criptovalute tramite l’app Live.Supporta oltre 5.000 criptovalute tramite la suite Trezor.
Interesse e prestiti direttiLe criptovalute possono essere interessate o prestate attraverso Ledger Live. Le criptovalute possono essere oggetto di interesse attraverso piattaforme di terze parti.
UsabilitàLa configurazione è semplice.Trezor Suite è chiara e intuitiva.
Diversità dei modelliLedger Nano S Plus, Ledger Nano X e Ledger Stax.Offre Trezor One (modello base) e Trezor Model T.
CompatibilitàCompatibile con una serie di app di terze parti. Nessun supporto per iOS. Il supporto Android è possibile tramite OTG.
Backup e recuperoUtilizza una frase di recupero di 24 parole. Offre la funzione di controllo del ripristino.Utilizza frasi di recupero di 12, 18 o 24 parole. Funzione passphrase per un ulteriore livello di sicurezza.
ChipsetSecure Element (ST33J2M0 per Ledger Nano X, ST31H320 per Ledger Nano S) e chip non sicuro (STM32WB55 per Nano X, STM32F042 per Nano S).Processore ARM Cortex-M3. Nessun chip sicuro separato.
Durata della batteriaLedger Nano X ha una batteria integrata.Nessuna batteria su nessun modello Trezor.
PrivacyL’informativa sulla privacy è standard. Alcuni dati possono essere conservati per oltre 5 anni. Una politica standard con un limite di 3 mesi per la conservazione dei dati.
Sorgente apertaL’hardware di Ledger non è completamente open source, ma il software sì.Sia l’hardware che il software di Trezor sono open source.
DesignDesign elegante e compatto.Design compatto. Trezor One è realizzato in plastica, mentre Trezor Model T ha un aspetto premium.
Interfaccia utenteNavigazione difficile a causa del piccolo schermo e del funzionamento a 2 pulsanti.Trezor Model T offre una migliore esperienza sul dispositivo grazie al suo touchscreen.
Connettività wirelessLedger Nano X supporta il Bluetooth per la connessione wireless. Manca di connettività wireless.

Ledger vs. Trezor: il verdetto è stato emesso!

Questo confronto tra Ledger e Trezor ha messo a confronto i portafogli hardware leader di mercato su 16 parametri. In base ai singoli segmenti, Trezor risulta vincitore, battendo Ledger in nove categorie. Sebbene il verdetto dipenda dalle preferenze personali, è consigliabile leggere nel dettaglio ogni parametro di confronto e decidere autonomamente.

Domande frequenti

Should I use Trezor or Ledger?

What is the disadvantage of a Ledger wallet?

Can I switch from Trezor to Ledger?

Is Trezor the best cold wallet?

Can a Ledger be hacked?

What happens if I lose my Trezor?

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Scopri la dichiarazione di non responsabilità

All the information contained on our website is published in good faith and for general information purposes only. Any action the reader takes upon the information found on our website is strictly at their own risk.

Ananda.png
Ananda Banerjee è un technical copy/content writer specializzato in web3, cripto, Blockchain, AI e SaaS, con una carriera di oltre 12 anni. Dopo aver completato il suo M.Tech in ingegneria delle telecomunicazioni presso il RCCIIT, in India, Ananda ha subito abbinato il suo acume tecnico alla creazione di contenuti in una carriera che lo ha visto collaborare con Towardsdatascience, Hackernoon, Dzone, Elephant Journal, Business2Community e altri ancora. A BIC, Ananda contribuisce attualmente...
Leggi la biografia completa