Per saperne di più

I 7 migliori hardware per il mining di criptovalute per 2024.

11 mins
Aggiornato da

Tra la carenza di GPU a livello globale e le esenzioni tariffarie scadute, vale ancora la pena di acquistare una macchina per il mining di Bitcoin? Anche se questo può dipendere dal fatto che il Bitcoin rimanga in territorio rialzista o che il costo dell’elettricità sia relativamente basso, è sempre prudente fare una panoramica del mercato e capire quali sono i migliori minatori di Bitcoin.

Per quanto riguarda la redditività del mining di criptovalute, tutto si riduce a bilanciare il costo iniziale della macchina per il mining di Bitcoin, il suo consumo di energia e il suo tasso di hash. Una volta ottenute queste cifre, utilizzando questo calcolatore di mining, è facile calcolare i guadagni in base alla ricompensa dei blocchi di Bitcoin e al costo dell’elettricità. Tenendo conto di ciò, diamo un’occhiata a quale miner ASIC ha il bilanciamento ottimale.

Le 7 migliori macchine per il mining di Bitcoin

Per esplorare il mondo del mining di bitcoin, un aspetto cruciale del più ampio ecosistema DeFi e blockchain, è necessario conoscere l’attrezzatura ottimale. Ecco uno sguardo approfondito alle 7 migliori macchine per il mining di bitcoin, ognuna delle quali evidenzia caratteristiche uniche ed efficienze vitali nel dinamico mondo del mining di criptovalute.

1. Antminer S19 Pro

Antminer S19 Pro: Bitmain
Antminer S19 Pro: Bitmain
  • Potenza assorbita: 3,25 kW
  • Velocità di hash: 110 TH/s
  • Prezzo: ~$10,000 – $19,600

Nel testa a testa con M30S++, questo miner Bitmain ASIC offre un’efficienza di 29,5 J/TH. Grazie a un tempo di avvio e a un’esperienza d’uso drasticamente migliorati grazie al firmware aggiornato, può essere considerato il miglior miner di Bitcoin della lista. A differenza di M30S++, utilizza un chipset TSMC a 7 nm, proprio come l’ultima generazione di CPU AMD Ryzen, non destinate al mining.

Purtroppo, al momento della stampa, non è possibile ottenerlo dal sito web del produttore a causa di problemi di catena di fornitura, che sembrano essere un evento frequente.

2. AvalonMiner 1246

Canaan Avalon A1246 miner
AvalonMiner 1246: Canaan
  • Potenza assorbita: 3,43 kW
  • Velocità di hashish: 90TH/s
  • Prezzo: $4.000 – $5.300

La cinese Canaan Creative è un’azienda ben consolidata nel settore del mining di criptovalute. Alcuni dicono che sia la prima azienda a offrire una macchina per il mining di bitcoin con ASIC dedicato, sin dal suo primo modello del 2013. AvalonMiner 1246 è una macchina da mining per impieghi gravosi, come dimostrano le quattro ventole integrate, che raggiungono un rumore molto fastidioso di 75 db.

Questo è considerato un rumore di traffico molto forte, quindi preparatevi ad avere uno spazio dedicato al mining con isolamento acustico sulla porta. Ciononostante, vanta un’elevata efficienza di 38J/TH. Inoltre, è dotato di una garanzia di un anno e di un microchip AI integrato. Come per la maggior parte dei minatori ASIC, a causa dell’elevata domanda, potrebbe essere difficile da trovare, ma prima date un’occhiata alla pagina ufficiale del produttore.

3. AvalonMiner A1166 Pro

AvalonMiner 1166 Pro: Canaan
AvalonMiner 1166 Pro: Canaan
  • Potenza assorbita: 3,4 kW
  • Velocità di hashish: 81TH/s
  • Prezzo: $2.200 – $2.850

Con una potenza di hash rate e un assorbimento di potenza quasi uguali, ma a un prezzo doppio, l’AvalonMiner A1166 Pro è talmente ricercato da essere ancora più difficile da acquistare. Questa macchina Bitcoin ha un’efficienza di hash rate di 42J/TH, 4 volte superiore a quella di AvalonMiner 1246. Sebbene costi ancora quanto un PC di fascia alta, con questa efficienza energetica è un affare.

Sfortunatamente, sembra che Canaan abbia tagliato qualche angolo per renderlo così conveniente, dato che viene fornito con una garanzia di soli 180 giorni. Inoltre, se lo acquistate direttamente dal produttore, dovrete acquistarne almeno 5 per poterli spedire. Tutti e cinque produrrebbero 405 TH/s, con un guadagno di circa 115 dollari al giorno. Utilizza le stesse ventole del modello precedente, quindi aspettatevi che il rumore sia altrettanto fastidioso.

4. WhatsMiner M32-62T

WhatsMiner M32: Whatsminer
WhatsMiner M32: Whatsminer
  • Potenza assorbita: 3,348 kW
  • Velocità di hashish: 62 TH/s
  • Prezzo: $1.075 – $1.400

Uno dei nuovi arrivati nell’arena del mining lanciato l’anno scorso, questa macchina per il mining di bitcoin super-economica utilizza il chipset a 8 nm di Samsung. Sfortunatamente, l’ultimo arrivato non significa il più efficiente, come si può notare dal suo consumo energetico che è paragonabile a quello di AvalonMiner 1246, ma con un’efficienza inferiore del 30%.

Tuttavia, è anche 4-5 volte meno costoso dei minatori ASIC top di gamma, quindi è un investimento solido se intendete avere il vostro RoI in meno di quattro mesi. Offre una garanzia di 180 giorni e viene fornito con un alimentatore. La serie M32 è disponibile in tre versioni, con la più costosa che produce 66 TH/s.

Bitcoin hash rate December 2022-2024: TradingView
Tasso di hash del Bitcoin dicembre 2022-2024: TradingView

5. WhatsMiner M30S++

WhatsMiner M30S++ Whatsminer
WhatsMiner M30S++: Whatsminer
  • Potenza assorbita: 3,472 kW
  • Velocità di hashish: 112 TH/s
  • Prezzo: $9.900 – $14.000

Un altro modello della cinese MicroBT, l’M30S++, è una macchina per il mining di Bitcoin con la più alta potenza di hash rate disponibile sul mercato al dettaglio. Sorprendentemente, il suo consumo energetico è piuttosto basso, il che significa che è anche uno dei minatori ASIC più efficienti con 31 J/TH. Tuttavia, con un prezzo minimo di 10.000 dollari, è necessario impegnarsi a fondo nel mining di Bitcoin.

Con un costo dell’elettricità moderato, ci si può aspettare un ROI entro 10-12 mesi se il prezzo del bitcoin non supera la sua attuale fascia ($55k – $57k). Rilasciato appena lo scorso ottobre, anch’esso utilizza l’ultimo chipset ASIC a 8 nm di Samsung.

6. Ebang EBIT E11++

Ebang EBIT E11++ miner
Ebang EBIT E11++: Valore del minatore ASIC
  • Potenza assorbita: 2 kW
  • Velocità di hash: 44 TH/s
  • Prezzo: 2.024 dollari

La cinese Ebang si annovera tra i migliori produttori di ASIC per Bitcoin. Il suo ultimo modello ha un design classico, compatto e tubolare con efficienti ventole di scarico e di aspirazione su entrambi i lati. La configurazione del software è altrettanto efficiente, con l’impostazione “Simplify IP” per avviare rapidamente il mining di bitcoin direttamente via Ethernet.

Coperto da una garanzia di un anno (mezzo anno per l’intera macchina, uno per il controller), EBIT E11++ è costruito su un chipset da 10 nm. A causa della sua efficienza in termini di hash rate, molto inferiore a quella di AvalonMiner A1166 Pro, dovrebbe essere l’ultimo della vostra lista se non c’è altro disponibile.

7. Bitmain Antminer S5

Bitmain AntMiner S5: Bitmain
  • Potenza assorbita: 0,56 kW
  • Velocità di hash: 62 TH/s
  • Prezzo: ~$500

Rilasciato nel 2014, questo modello integra perfettamente il suo algoritmo di mining, mantenendo la sua importanza grazie al basso consumo di elettricità e all’efficiente tasso di hash di 0,51 J/GH. Inoltre, le dimensioni compatte di soli 2,5 kg e il design aperto favoriscono il raffreddamento. Funziona con un livello di rumore massimo di 65 dB, ideale per gli spazi abitativi più piccoli.

Di quale hardware ho bisogno per il mining di Bitcoin?

Se avete già un PC formidabile, potete provare a trasformarlo in una macchina per il mining di Bitcoin senza alcun costo iniziale. Così come i giochi hanno un requisito minimo di sistema per essere giocabili, anche il mining di Bitcoin ha un requisito minimo per essere redditizio:

  • CPU – Della serie Intel Celeron
  • MBO – Dalla serie B250
  • GPU – Da Nvidia GTX 1070 o AMD Vega 56
Standard Chartered Bitcoin, Bitcoin miners

Se volete il miglior risultato all-in-one – workstation, gioco senza compromessi, mining – per il vostro prossimo PC, provate AMD Ryzen Threadripper 3970X. Grazie ai suoi 32 core e 64 thread, non molto tempo fa sarebbe stato considerato un supercomputer. Ha anche un’enorme cache di 144 MB e un assorbimento di potenza di 280 W.

Per quanto riguarda le GPU convenienti per il mining di bitcoin, la Nvidia RTX 3070 sembra essere la scelta ottimale, se si ha la fortuna di ottenerla, per non parlare dell’acquisto al prezzo originale di 400 dollari.

Quanto tempo ci vuole per minare 1 Bitcoin?

All’attuale prezzo dei bitcoin di 55.000 dollari, una singola macchina per il mining di Bitcoin di fascia media con 50 TH/s sarebbe in grado di minare 1 BTC entro un anno. Come si può vedere, abbiamo superato da tempo la soglia in cui il mining di Bitcoin può essere effettuato efficacemente su scala così piccola.

Tuttavia, esiste una forma alternativa di mining di criptovalute, il cloud mining. Ad esempio, StormGain offre un servizio di cloud mining con il quale è possibile estrarre fino a 0,0318 BTC al giorno. Si tratta di un modo legittimo di fare mining senza installare malware sospetti sul vostro computer e senza dover avere un impianto di mining. Altrimenti, StormGain non sarebbe un membro della Blockchain Association of the Financial Commission.

Che cos’è un miner ASIC?

https://twitter.com/bsra_askr/status/1729805662878576798

All’inizio dell’adozione di Bitcoin, l’impiego di GPU commerciali per il mining di criptovalute era una pratica comune. Sebbene si utilizzi ancora questo metodo nelle aree con elettricità a basso costo, questo approccio al mining di Bitcoin ha superato da tempo la sua efficacia in termini di costi.

In effetti, il Bitcoin è stato originariamente codificato per essere minato dalla potenza della CPU, non dalla GPU. Solo in seguito gli sviluppatori del nucleo di Bitcoin hanno deciso di sfruttare la maggiore potenza di hashing delle GPU. Alla fine, queste ultime sono state addirittura surclassate da hardware specializzato chiamato ASIC miners, acronimo di Application Specific Integrated Circuits. Qualsiasi azienda di mining di bitcoin seria è ora costituita da ASIC. Altrimenti, non potrebbe essere redditizia.

Quale minatore di Bitcoin è più redditizio?

Sembra che le macchine per il mining di BitWats siano destinate ad essere le più redditizie . Su tre, quella con il prezzo più basso, a 5.000 dollari, riporta 360 TH/s con un consumo energetico di 550W.

Se fosse vero, questo potrebbe ribaltare completamente il settore del mining di criptovalute. Nel frattempo, WhatsMiner M30S++ o Antminer S19 Pro sono le scelte preferite dai minatori di Bitcoin.

Quanto guadagna un miner ASIC?

Un singolo miner ASIC, come AvalonMiner A1166 Pro, capace di circa 81 TH/s, può guadagnare circa 23 dollari al giorno. Naturalmente, ciò esclude il costo dell’unità e i costi di elettricità. Se non siete disposti a investire in un miner ASIC al di fuori del cloud mining con StormGain, potete anche unirvi a un mining pool.

I mining pool rappresentano un coordinamento con altri minatori, che combinano la potenza di calcolo per aggiungere un nuovo blocco. Una volta che il blocco è stato minato, la ricompensa del blocco viene condivisa tra tutti i partecipanti al pool. Come ci si aspetterebbe, la maggior parte dei mining pool si trova in Cina, seguita da Malta, e poi negli Stati Uniti:

  • Binance Pool insieme
  • Antpool
  • F2pool
  • ViaBTC
  • Poolin
  • Fonderia USA

Si noti che la regione del pool è irrilevante ai fini del processo, per cui si può aderire a un pool cinese dagli Stati Uniti. Inoltre, si ricordi che gli insiemi di mining sono diversi dal cloud mining; nel primo caso, è necessario disporre di un impianto di mining.

“Gli impianti di mining stanno diventando sempre più accessibili, soprattutto grazie alla diminuzione del prezzo dell’hash di bitcoin: il reddito generato per terahash di potenza di calcolo”.

Colin Harper, responsabile dei contenuti di Luxor Technologies: CoinDesk

Infine, nella comunità della DeFi e delle criptovalute, se un sito sconosciuto di cloud mining o di mining di Bitcoin appare troppo bello per essere vero, è probabile che si tratti di una truffa. Questa è una considerazione cruciale, soprattutto nell’ambito della finanza decentralizzata e della più ampia comunità crittografica. Un esempio significativo è stato il BitClub Network, dove tre truffatori sono stati arrestati per aver sottratto asset di criptovalute per un valore di 722 milioni di dollari . In genere, questi schemi promettono una quota di potere di hashing a fronte di un investimento iniziale, rispecchiando i classici schemi Ponzi e incoraggiando gli investitori a reclutare nuovi membri per ottenere ricompense.

Quale hardware per il mining di criptovalute è più adatto a voi?

La scelta del miglior hardware per il mining di criptovalute dipende da diversi fattori, includendo l’efficienza, il costo e le condizioni di vita. L’EBIT E11++, con il suo chipset a 10 nm, è in ritardo nell’efficienza del tasso di hash rispetto ad altri come l’AvalonMiner A1166 Pro e si colloca nella fascia meno favorevole. Il Bitmain Antminer S5, anche se più vecchio, rimane una scelta valida per chi ha problemi di spazio e minori esigenze di consumo di elettricità, grazie alle sue dimensioni compatte e al suo efficiente design di raffreddamento. Per coloro che investono profondamente nel mining di Bitcoin, il MicroBT M30S++ offre la più alta potenza di hash rate sul mercato al dettaglio e un’efficienza impressionante, anche se con un prezzo elevato. In definitiva, è importante fare una ricerca personale ( DYOR ) quando si sceglie l’hardware per il mining di criptovalute più adatto alle proprie esigenze.

Domande frequenti

What is crypto mining hardware?

How does crypto mining hardware work?

What factors should I consider when choosing crypto mining hardware?

Which is the optimal hardware for cryptocurrency mining?

What is the main difference between GPU and ASIC?

What are mining rigs?

How long does mining hardware last?

Top piattaforme di crypto in Italia | Giugno 2024

Trusted

Scopri la dichiarazione di non responsabilità

All the information contained on our website is published in good faith and for general information purposes only. Any action the reader takes upon the information found on our website is strictly at their own risk.

8b8708e04214893263b65ef55a8c801f?s=120&d=wp_user_avatar&r=g
Rahul Nambiampurath
Il viaggio di Rahul Nambiampurath nelle criptovalute è iniziato nel 2014, quando si è imbattuto nel whitepaper di Satoshi su Bitcoin. Con una laurea in Commercio e un MBA in Finanza conseguito presso la Sikkim Manipal University, è stato tra i pochi a riconoscere per primi l'enorme potenziale non sfruttato delle tecnologie decentralizzate. Da allora, ha aiutato piattaforme DeFi come Balancer e Sidus Heroes - un metaverso web3 - e CEX come Bitso (il più grande del Messico) e Overbit a...
Leggi la biografia completa